• Calendario/Archivio

  • aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  
    CRESA: economia debole

    Posted on lunedì 20 giugno 2011

    REPORT DEL CRESA – I trimestre 2011
    Confortante l’export. Ristagnano i consumi. Nonostante i segnali di ripresa continua a calare l’occupazione. L’Aquila: nell’area del cratere l’economia in stallo. Punti critici sui quali occorre fare di pi: politiche attive del lavoro e formazione avanzata, innovazione di prodotto, pubblica amministrazione, strategie di sviluppo centrali e locali.

    Indicatori sintetici:
    PRODUZIONE +8,4%
    FATTURATO +7,6%
    FATTURATO ESTERO +13,4%
    OCCUPAZIONE -0,5%

    Report
    Lindagine sulla congiuntura industriale manifatturiera relativa al primo trimestre 2011 stata condotta su un campione di 395 imprese manifatturiere con almeno 10 addetti operanti in Abruzzo. Nel periodo gennaio-marzo 2011 la produzione industriale ha registrato una crescita dell8,4% su base annua (3,8% rispetto al IV trimestre del 2010). Anche il fatturato aumentato in maniera significativa, in particolare quello estero. Il recupero degli ordini consistente sul versante interno (5,9%) ma ancor pi su quello estero (13%). Loccupazione ha mostrato una modesta crescita congiunturale ma resta invariata rispetto al primo trimestre 2010. Le migliori performance sono da attribuire alle imprese di maggiori dimensioni, con un riscontro positivo anche in termini occupazionali.

    Le previsioni degli imprenditori abruzzesi per i prossimi mesi sono positive (soprattutto nella chimico-farmaceutica, nella metalmeccanica e nei mezzi di trasporto).

    Le piccole e medie imprese. Le piccole imprese (10-49 addetti) mostrano nel trimestre in esame segni positivi, seppure di intensit inferiore alla media regionale. La dinamica del fatturato stata superiore a quella delle grandi imprese.
    Loccupazione continua a flettersi nelle piccole a fronte di una sostanziale stabilit nelle imprese di medie dimensioni.

    Le grandi imprese. La produzione delle grandi imprese (oltre 250 addetti) continua a mantenere ritmi di crescita piuttosto sostenuti. Gli ordini sembrano aver ripreso uno slancio apprezzabile da parte sia della committenza estera che di quella interna. Loccupazione ha fatto registrare una seppur debole dinamica positiva. Le aspettative degli imprenditori a sei mesi sono positive.

    Il territorio. Chieti appare oggi come la provincia abruzzese con le pi elevate potenzialit di ripresa: la produzione cresciuta dell11,4% su base annua e del 2,3% rispetto allultimo trimestre dellanno scorso. Delle altre province, solo Teramo si tenuta al di sopra della media regionale ma il processo di recupero post-crisi si mostra relativamente pi lento rispetto alla provincia chietina. Segnali sostanzialmente positivi arrivano anche da LAquila e Pescara, seppure con dinamiche meno toniche rispetto alle altre due province.

    I settori. Alimentare, bevande e tabacco. Dopo un periodo di crescita, il settore sembra attraversare una fase di relativa difficolt. Potrebbe trattarsi di un fenomeno temporaneo, considerando che gli ordini dallestero hanno mostrato un andamento crescente. I saldi riferiti alle opinioni degli imprenditori sono positivi.

    Tessile, abbigliamento e calzature. Il comparto appare in leggera ripresa. Tutti gli indicatori rilevanti sono volti in positivo, in particolare quelli riferiti alla componente estera i cui ordini sono aumentati di oltre il 25%. Legno e mobili. Il settore conferma una certa variabilit. La negativa tendenza avviatasi nella seconda parte del 2010, dopo un primo semestre positivo, si estesa ai primi mesi del 2011. Produzione e fatturato sono arretrati di quasi il 2% sia su base annua che trimestrale. Il fatturato legato alle vendite estere rimasto stabile.

    Lavorazione minerali non metalliferi. Linizio del 2011 vede questo settore in leggera perdita dopo un 2010 positivo. Il calo dei livelli produttivi, tuttavia, accompagnato da un aumento del fatturato e da andamenti soddisfacenti degli altri indicatori. Loccupazione, dopo un 2010 positivo, continua a svilupparsi su base annua, nonostante la leggera flessione congiunturale.

    Metalmeccanica. La dinamica produttiva stata debole, leggermente pi vivace quella relativa al fatturato, soprattutto quello estero. Gli ordini interni si sono ridotti, mentre risalta la positiva dinamica congiunturale degli ordini esteri. Loccupazione ristagna e sembra non offrire margini per un ritorno alla crescita nel breve periodo.

    Elettromeccanica ed elettronica.
    Il primo trimestre del 2011 stato un periodo particolarmente felice. Lespansione del fatturato estero stata pari al 42,2% e sembrerebbe destinato ad espandersi ulteriormente considerando gli ordinativi. Landamento delloccupazione risultato negativo con riferimento allanno, ma in recupero congiunturale.

    Mezzi di trasporto. Nel settore pi colpito dalla crisi finanziaria internazionale la ripresa va consolidandosi. La produzione tendenziale aumentata del 23,9% (6% congiunturale). Anche la dinamica degli ordini mostra tendenze simili con riferimento sia al mercato interno che estero. Loccupazione, che era apparsa in calo per larga parte del 2010, ha fatto registrare un modesto incremento tendenziale.

    Chimico-farmaceutica. Ha mostrato risultati superiori alla media della regione. Il fatturato connesso ai prodotti esportati aumentato del 18% mentre crescono a ritmi ancor pi elevati gli ordinativi esteri.

    Impatto e strategie di risposta delle imprese manifatturiere abruzzesi alla crisi economico- finanziaria del 2008-2009 Lapprofondimento contenuto in questo numero della Congiuntura Economica si posto come obiettivo quello di far emergere le linee principali delle strategie di risposta adottate dagli imprenditori abruzzesi per far fronte alla recessione del 2008-2009. Nel settore manifatturiero le imprese hanno reagito al forte calo della domanda per lo pi perseguendo strategie di contenimento dei costi. Tale strategia si tradotta, soprattutto, in una contrazione dei margini di profitto (57% delle imprese), mentre il 9% circa degli imprenditori indica una riduzione dei costi di produzione rispetto al 2008, in particolare le imprese di grandi dimensioni. La risposta alla crisi passata in parte anche attraverso un aumento dei prodotti offerti, ovvero della loro gamma, e dei mercati di destinazione. In particolare, il 30% delle imprese manifatturiere dichiara di avere ampliato il numero di prodotti rispetto a quelli realizzati nel 2008; la quota si aggira intorno al 40% nei settori dei mezzi di trasporto, degli alimentari e dellelettromeccanica e intorno al 30% nei settori della chimica, del tessile-abbigliamento e del legno. Inoltre, il 30% delle imprese intervistate dichiara di aver incrementato la variet dei prodotti offerti; di queste, l8,4% dichiara di averlo fatto in maniera molto consistente; stata soprattutto la piccola e media dimensione ad aver attuato strategia di questo tipo, marginalmente presente nelle grandi. Un quarto delle imprese ha inoltre aumentato il numero dei paesi di destinazione delle proprie esportazioni rispetto al 2008. Il 10% delle imprese dichiara di aver aumentato il proprio grado di internazionalizzazione con trasferimento allestero anche di quote significative della propria produzione. Lintensit di questo fenomeno massima nellelettromeccanica ed elettronica, in cui il 18% degli imprenditori dichiara un forte aumento della delocalizzazione, ed interessa per lo pi le imprese medio-grandi. Altro aspetto interessante che oltre il 13% degli imprenditori ha indicato un aumento delle risorse dedicate ad operazioni di marketing e pubblicit, dunque potenziando tutte quelle attivit immateriali che stanno a valle del processo produttivo in senso stretto. Infine, dal lato dellinput di lavoro, poco pi di un quarto delle imprese dichiara che nel 2011 i livelli occupazionali resteranno inferiori a quelli del 2010. Tale quota raggiunge il 53% nel settore della lavorazione dei minerali non metalliferi, il 36% negli alimentari.

    MpL Comunicazione @ 14:42
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com