• Calendario/Archivio

  • luglio: 2020
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  
    Corte dei Conti?

    Posted on giovedì 19 marzo 2009

    Come nella canzone di Valeria Rossi: "Dammi tre parole, sole, cuore, amore…", così l’assessora Silvana Giangiuliani, al secolo Giangi de la Pampa, ieri, riferendo in Commissione Controllo e Garanzia, ha pronunciato le fatidiche tre parole: "Ricognizione, valorizzazione ed alienazione" del patrimonio immobiliare comunale, volute dalla legge 133 del 6 agosto 2008 che ne prevede il riordino, scatenando l’ira del presidente della Commissione Enzo Lombardi.

    Perché i lettori possano capire, si parlava ieri in quinta commissione, della "Proposta di deliberazione dell’On.le Consiglio Comunale" con all’oggetto: "Approvazione del Piano di alienazione e valorizzazione immobiliare del Comune".
    La Giangi nella sua relazione, ha citato mnemonicamente, come una maestrina di primo pelo, leggi e leggine sul patrimonio, da vedere soprattutto come cespite, e che impongono agli Enti locali le procedure da seguire. Cose che tutti i consiglieri sanno. Il Piano di alienazione predisposto, è "semplicemente" ridicolo, essendo un disordinato elenco dei beni di proprietà comunale, senza una relazione che specifichi quali sono gli immobili da valorizzare e quali da alienare, senza un piano dei ricavi sui fitti attivi, senza una previsione dei costi per la manutenzione (ordinaria e straordinaria) degli stessi, senza un minimo computo dei costi, per ristrutturazioni e l’eventuale valore del fitto, quando questi fossero stati effettuati.
    Dai vari interventi è venuto fuori che il patrimonio comunale, è stato amministrato in maniera spregiudicata, affatto trasparente, per lo più in modo clientelare, nel quale ognuno potesse sguazzare a proprio piacimento. Usato come la famosa "Piletta dell’Acqua Santa", nella quale ognuno immerge la mano per prelevarne secondo il proprio fabbisogno, senza preoccuparsi dell’interesse pubblico.
    Fitti mai pagati, contratti scaduti e non rinnovati, pochissimi fitti riscossi, canoni ridicoli e non aggiornati.
    Un albero della cuccagna dal quale hanno prelevato a piacimento privati cittadini, vari enti che si dicono culturali, pseudo associazioni sportive e quanti, muniti della raccomandazione del politico di turno, ne facessero richiesta…per propri comodi.
    Proprietà abbandonate a se stesse, fatiscenti, senza un minimo di manutenzioni, come il piano terra dell’ex convento di S. Teresa, nel quale albergano allegramente schifose pantegane grandi come gatti, che sono "la delizia" dei vicini e la soddisfazione degli inquilini, a costo zero (Tsa).
    O come il famoso Museo (si fa per dire) di Santa Maria dei Raccomandati, mai aperto ufficialmente, ma usato dall’assessora alla cultura (per modo di dire), Ximenes, per manifestazioni tipo "Festa della porchetta" o "Pizza con gli sfrizzoli"; oppure come l’ex mattatoio concesso in uso, sempre dalla Ximenes, per scopi privati e comunque mai per l’interesse pubblico; o come il Centro Polivalente di Paganica, lasciato nell’abbandono più completo. Tutte strutture restaurate o costruite con fondi pubblici, che vanno deteriorandosi nel tempo senza utili per il Comune, apportando anzi, gravi danni erariali. Questi, solo per citarne alcuni.

    Emblematico è l’esempio del Cinema Massimo, la cui inquilina, l’Accademia dell’Immagine, non avrebbe mai pagato il fitto. È appena il caso di dire che il Sindaco Cialente ne è il presidente, l’assessora Ximenes la direttrice e l’amministratore delegato, è l’ex consigliere comunale ed assessore alle Finanze e Patrimonio, Goffredo Palmerini. Cosa dire ancora? Altro che tre parole, io sono rimasto senza!

    Peppe Vespa (tratto da L’Editoriale)

    MpL Comunicazione @ 11:10
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com