• Calendario/Archivio

  • settembre: 2018
    L M M G V S D
    « Ago    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    Confagricoltura, duro attacco a D’Alfonso

    Posted on martedì 11 settembre 2018

    Nell’immagine, un logo di una delle numerose iniziative di Confagricoltura

    Durissima lettera di Confagricoltura all’ex presidente della Regione Abruzzo, ora Senatore del PD, Luciano D’Alfonso.  “Grazie per quanto non ha operato” – si legge tra l’altro in un passaggio sarcastico della lettera aperta.    Ne riportiamo una sintesi… 

    «Pregiatissimo Presidente, incontrandola appena dopo l’insediamento alla guida della Regione, incontro cordiale ma privo di contenuti e di attenzioni da parte Sua verso il mondo agricolo, compresi che forse non eravamo sulla buona strada, ma volli attendere pensando che, forse, i tempi non erano ancora giunti per un dialogo con gli ultimi della terra o con coloro che, per sua stessa dichiarazione, rappresentavano la vera industria del territorio». È con queste parole che inizia la lettera aperta che il presidente di Confagricoltura Abruzzo, Concezio Gasbarro, ha indirizzato al presidente della Regione Luciano D’Alfonso.

    Una lunga e dura lettera con la quale Gasbarro accusa D’Alfonso di avere una scarsa attenzione al mondo agricolo. «La dignità e l’onore della Confagricoltura, nonostante i numeri dicano essere qualcosa a cui forse dovrebbe guardare con più rispetto» scrive infatti «non La interessano più di tanto: del resto è stato Lei stesso a dichiarare pubblicamente che la sua agenda politica in tema di agricoltura è dettata dalla Coldiretti. Leggendo quanto ha dichiarato nel suo post su Facebook ho la prova definitiva che non mi ero affatto sbagliato ponendomi dei dubbi sulla reale capacità che Lei avrebbe potuto rappresentare il Governatore di tutti, ormai è chiaro: anche Lei ha condiviso con fedeltà e diligenza valori e ideali di una parte sola del mondo agricolo. Ma tant’è ne prendiamo atto».

    «Prendiamo atto» prosegue il presidente di Confagricoltura «che il 27 dicembre u.s. nel corso della manifestazione degli agricoltori e allevatori presso il Consiglio Regionale organizzata unitamente alla Cia, non è riuscito a trovare uno spiraglio del suo prezioso tempo per concedere un saluto e una parola di conforto a chi Le chiedeva udienza e un autorevole intervento per la risoluzione delle problematiche dei danni da fauna selvatica alle colture agricole. …….. Prendiamo atto che le iniziative mirate di rilancio del comparto agricolo Le sfuggono, e di certo non sono quelle delle garanzie dei Confidi, ma quelle di riorganizzare una struttura burocratica ormai implosa e quelle di costruire una politica regionale agricola oggi inesistente». «Prendiamo atto» scrive ancora Gasbarro «che alle nostre missive, ai nostri inviti, alle nostre sollecitazioni non ha mai dato alcun riscontro, tanto da renderci ormai consapevoli che di certo non possiamo più confidare nel suo operato per un sostegno alla salvezza delle nostre aziende».  «Grazie per quanto non ha operato per noi, Governatore» conclude la lunga lettera «ma sappia che continueremo nella nostra azione sindacale fatta di essenzialità per i nostri soci e non di collateralismo parolaio».

    MpL Comunicazione @ 13:15
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *