• Calendario/Archivio

  • maggio: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
    Concorsone, rivolta dei precari

    Posted on sabato 25 agosto 2012

    Se la preselezione per tutti al ‘concorsone’ toglie di fatto il Comune da una posizione scomoda risolvendogli un problema importante anche se gliene crea degli altri, i lavoratori precari, senza le precedenze che erano state loro promesse, si vedono lasciati al palo e scendono sul piede di guerra. Nelle ultime ore e dopo quanto pubblicato da ‘Aquila Tv’, c’è stata una riunione molto movimentata nella sede dell’Ufficio Coordinamento Ricostruzione in viale Francesco Crispi in cui i presenti hanno puntato il dito sull’amministrazione comunale la quale era già stata sollecitata a fare chiarezza sulle modalità del concorso e sul ruolo del Comune che, lo ricordiamo, non potrà intervenire in nessun modo nelle selezioni che si svolgeranno tra l’altro a Roma. Durante la riunione sono state prese in esame tutte le possibilità che i precari potrebbero adottare “per far valere i loro diritti” sul concorso (precedenze, riserve e quant’altro). Tra le varie ipotesi quella di uno sciopero generale che potrebbe paralizzare gli uffici. La decisione è rinviata a lunedì mattina, quando a mezzogiorno tutti i precari della ricostruzione si incontreranno nel luogo di discussione simbolo del terremoto: il tendone di Piazza Duomo. Intanto registriamo la presa dio posizione del consigliere comunale Daniele Ferella che parla di scaricabarile da parte del sindaco e di accuse infondate alla nostra testata on-line, mentre è assai probabile che il ministro Fabrizio barca faccia conoscere il proprio punto di vista gà lunedì con un comunicato.

    FERELLA: “IL SINDACO SAPEVA CIO’ CHE STAVA PER ACCADERE”

     “Si è consumata ieri un’altra pagina nera di questa amministrazione comunale con un sindaco, il nostro sindaco, che per l’ennesima volta non ha voluto assumersi la responsabilità di una decisione tanto importante e delicata per la città e per moltissimi ragazzi, precari, dell’Aquila.  L’ennesimo scaricabarile di Cialente che questa volta si è scagliato contro i mezzi di informazione locali. La testata on-line ha fatto il suo lavoro, è stata vigile e ha dato informazioni alla città che forse sarebbero dovute uscire proprio dall’amministrazione per dare il tempo ai precari e ai ragazzi dell’intero territorio di cominciare a preparasi per la preselezione. E’ molto probabile, per non dire quasi certo,  che il Sindaco sapesse già quello che stava per accadere, perché il Governo, non avrebbe mai preso una decisione del genere senza concertarla e condivideva con il primo cittadino.

    Basta quindi con il continuo scaricabarile, se la notizia della locale web-tv è falsa ci sono sedi opportune per denunciare. Se invece, come crediamo tutti, è vera, il sindaco per una volta dica: si, lo sapevo, e,magari,  ho approvato  la scelta per evitare i ricorsi ai vari organi giurisdizionali come il Tar o il Consiglio di Stato. Con conseguenze per la nuova governance della ricostruzione facili da immaginare. Prima i Consiglieri comunali di minoranza, poi i sindacati, oggi i mezzi di informazione: domani a chi daremo la colpa delle scelte che vengono prese nella nostra città per il futuro della macchina comunale?”

    I FATTI:

    Preselezione per tutti, cioè tutela per nessuno. L’idea non è del ministro, che da fonti romane si è chiamato totalmente fuori dalla scelta – ma degli amministratori comunali che per essere imparziali rischiano di lasciare fuori tutti gli aquilani. Ma andiamo per ordine. Il bando per il ‘concorsone’, e che salvo imprevisti, uscirà nella gazzetta ufficiale del 4 settembre, darà disposizioni per il concorso pubblico volto ad assumere a tempo indeterminato 300 persone da impiegare negli Enti e negli uffici deputati alla ricostruzione dell’Aquila e dei centri del cratere.

    PRESELEZIONE CON QUIZ DI CULTURA E SULLA RICOSTRUZIONE

    La preselezione ci sarà per tutti con quiz di cultura generale. Più precisamente un 50% di cultura generale e un 50% sulla ricostruzione in generale (ordinanze, decreti, procedure). Poi si passerà allo scritto per individuare le figure professionali. Si tratterà sempre di quiz su cultura generale e lingue, una buona percentuale delle domande sarà specifica della professione da individuare. La prova si concluderà con l’orale, ovviamente per chi avrà superato i quiz dello scritto

    SI ENTRA IN GRADUATORIA CON 21 TRENTESIMI

    A questo punto, chi raggiungerà un punteggio specifico – dovrebbe essere 21 – entrerà in questa graduatoria. Un elenco che, ci auguriamo, contenga anche il nome di qualche aquilano. Perché il 50 % dei posti a concorso verranno attribuiti subito alla riserva, cioè a chi avrà maturato almeno un anno nei processi di ricostruzione dell’Aquila e dei centri del cratere. L’aver titolo alla riserva diventa quindi un qualcosa in più che si navrà dopo aver passato la preselezione e la selezione.

    A RISCHIO TUTTI I CONCORRENTI AQUILANI

    Una scelta davvero singolare fatta dagli amministratori locali che mettono a rischio così tutti i concorrenti aquilani. I quiz infatti, come tutti sanno, sono un terno a lotto, soprattutto quelli di cultura generale (le preselezione appunto) una questione in cui la preparazione non gioca un ruolo fondamentale. A Roma, per il ‘concorsone’, visto la scarso numero di concorsi pubblici banditi dagli Enti Pubblici, si riverseranno giovani da tutta Italia. Per gli aquilani non ci sarà nessuna garanzia di lavorare alla ricostruzione della loro città.

    I POSTI DISPONIBILI

    Ricordiamo che i posti disponibili sono 300, 128 presso il Comune dell’Aquila, 72 negli altri centri del cratere e 100 presso il Ministero delle Infrastrutture che li “dirotterà” presso Regione, Provincia e uffici tecnici. Il numero complessivo del personale precario assunto dopo il sisma del 2009 è di circa 600 unità, 230 solo al Comune dell’Aquila.

    MAXI CONCORSO: SCOPPIA LA PROTESTA DEI PRECARI DELLA RICOSTRUZIONE

    Il Sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, ha dichiarato oggi che: “anche i precari che hanno vinto un concorso dovranno fare la preselezione” per l’assunzione a tempo indeterminato negli uffici della ricostruzione. Tali dichiarazioni, se confermate, svuotano di significato la riserva di posti prevista a favore dei lavoratori precari abruzzesi, nonché la rassicurazione fornita dal Ministro per la coesione territoriale, Fabrizio Barca, il quale ha dichiarato che: “Nell’ambito dei paletti imposti dall’attuale contesto normativo, massimo è l’impegno del Governo a far sì che quelle risorse professionali attualmente utilizzate che hanno maturato una significativa esperienza nella materia e che siano appropriatamente selezionate in base alla competenza proseguano nel loro operato” (Relazione del 15 giugno 2012, pubblicata sul sito del Ministero per la coesione territoriale). In considerazione dell’imminente pubblicazione del bando in questione, i precari dell’Ufficio Coordinamento Ricostruzione, che hanno vinto una selezione pubblica, hanno chiesto al ministro Barca e al Commissario Chiodi di fare definitiva chiarezza sulla vicenda.
    I precari dell’Ufficio Coordinamento Ricostruzione

    tratto da aquilatv.it

    MpL Comunicazione @ 13:44
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com