• Calendario/Archivio

  • novembre: 2020
    L M M G V S D
    « Ott    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  
    Comuni in deficit

    Posted on martedì 31 agosto 2010

    Ma quanto è il debito pubblico? Non si sa, o meglio si sa ma non si dice. Eh già, perché nell’Italia dove gli enti locali – per lo più incapaci di governare con efficienza –  aspirano alla totale autonomia, ci sono molti tipi di debito.  C’è quello statale, che quest’anno raggiungerà il 119% del Prodotto interno lordo, una cifra enorme, inimmaginabile,  ricevuto in eredità da decenni di finanza fuori controllo. E poi c’è il debito delle regioni, delle province, dei comuni.  Gli enti locali e le regioni sono ancora più indebitati dello Stato. Una vera tragedia, una palude inestricabile, un ginepraio in cui godono soltanto le banche.

    Secondo la Corte dei conti,   nel 2008 i debiti dei soli comuni  ammontavano a 70miliardi di euro (il 120% delle entrate correnti),  oltre 1.100 euro per ogni cittadino italiano.   Molti enti locali devono fare i salti mortali solo per pagare i debiti, e non gli resta quasi nulla per il resto.  Ed il debito non si annida solo al Sud:   il Comune di Alessandria ha 149 milioni di debiti, quello di  Cesenatico è in rosso pesante, e poi Milano, Torino,  Pistoia, Viareggio, Orvieto, Roma.  Poi tutto il Sud, un disastro generale:  Caserta,  Foggia, Catania,  ecc. ecc.,  è tutto un mare di debiti da decenni. Debiti su debiti, debiti fatti per pagare i debiti, come quelli fatti con i famigerati derivati.
    Finora lo Stato Pantalone ha salvato tutti, come nei casi eclatanti di  Roma e Catania.  Il primo, guidato da un’amministrazione di centrosinistra fin dal 1993, con Francesco Rutelli e Walter Veltroni,   aveva accumulato debiti per oltre 8 miliardi di euro.  Il secondo era stato invece da lungo tempo amministrato dal centrodestra,  con un deficit spaventoso e un debito che veleggiava verso il miliardo di euro. 

    La situazione è ormai intollerabile, ed il rischio per le casse dello Stato eccessivo. I rubinetti si chiudono e da oggi in poi dovrebbe valere la regola – ma dovrebbe valere per tutti i Comuni – del "nuota o affoga". Ma sarà così nell’Italia di Pantalone? E io pago….

    MpL Comunicazione @ 13:03
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com