• Calendario/Archivio

  • dicembre: 2019
    L M M G V S D
    « Nov    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  
    Cialente va commissariato

    Posted on martedì 31 maggio 2011

    Un gruppo di avvocati aquilani chiedono il commissariamento di Cialente ai fini della redazione dei piani di ricostruzione. Il Commissario ad acta dovrebbe surrogare lamministrazione inadempiente nella predisposizione dei Piani, un obbligo di legge al quale il Comune non ancora adempie. Gli avvocati hanno notificato a Cialente un atto di diffida e messa in mora, ai sensi della legge sulla trasparenza (241/1990), chiedendo la predisposizione dei Piani di Ricostruzione e dei relativi Piani Finanziari entro 30 giorni dalla notifica dellatto.
    Il Decreto Commissariale numero 3 chiarissimo: ricevute le proposte di intervento da parte dei cittadini proprietari di immobili allinterno del Centro Storico, il sindaco predispone le proposte di Piani di Ricostruzione e i relativi piani finanziari. Essendo inutilmente trascorso il termine assegnato, ed anzi essendo trascorso un periodo ben pi lungo, spiegano gli avvocati, abbiamo notificato il ricorso davanti al Tar. Sar quindi il Tribunale amministrativo a dover decidere. Il Comune di LAquila, spiegano ancora i legali, ha invitato i cittadini a presentare i progetti per la ricostruzione del centro storico cittadino senza necessit di attendere lapprovazione dei piani di ricostruzione ed ha pubblicato in data 27.4.2011 sul proprio sito internet il provvedimento per lattuazione della ricostruzione del l’ asse centrale della zona A del capoluogo; tale comportamento crea, di fatto, solo false illusioni nella cittadinanza, perch collide frontalmente con le disposizioni attualmente vigenti per la ricostruzione dei centri urbani devastati dal sisma.
    I Piani di Ricostruzione costituiscono secondo la legge lunico strumento previsto per intraprendere la ricostruzione pesante dei Centri Storici. Il ritardo del Comune, quindi, si traduce in un ritardo nella ricostruzione. Ogni ritardo nella approvazione degli stessi, sottolineano gli avvocati, costituisce motivo di mancato avvio del processo di ricostruzione e gravissimo danno arrecato ai cittadini nonch ragione di responsabilit dellAmministrazione, valutabile anche in sede penale e contabile.

    MpL Comunicazione @ 16:01
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *