• Calendario/Archivio

  • settembre: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  
    Cialente telematico…

    Posted on venerdì 20 giugno 2008

    Con un "sms" è stato annullato il Consiglio Comunale previsto per oggi all’Aquila. All’ordine del giorno importanti punti,  come il piano del commercio, l’ingresso nella Fondazione univesitaria e il contratto relativo ai servizi dell’ASM.  La questione vera:  la richiesta di dimissioni di Vittorio Sconci, che potrebbe essere votata pure da molti consiglieri della maggioranza. Cialente è ormai incartato, i suoi Benedetti pure, e la maggioranza alla frutta rinvia ogni possibile occasione di scontro. Dov’è il Benedetti impallinatore della legge speciale dell’Aquila, paladino del dialogo e del confronto politico? Dov’è il Cialente concertativo? Cialente e Benedetti, in realtà, dialogano e concertano soltanto quando vogliono loro ed usano strumentalmente l’argomento della "concertazione" solo quando risulta utile ai loro obiettivi politici…

    A denunciare la singolare modalità di rinvio del consiglio per via sms sono stati i consiglieri di minoranza di centro-destra evidenziando il fatto che tale decisione, forse unica in Italia, è stata presa senza convocare la conferenza dei capigruppo.  La minoranza di centrodestra al Comune dell’Aquila protesta per la cancellazione della seduta di oggi del Consiglio comunale e per le modalita’, definite "irrituali", con le quali il presidente dell’assise civica, Carlo Benedetti, ha comunicato questa decisione ai consiglieri. Gli esponenti di centrodestra sono tornati anche sulla questione delle 19 deleghe affidate ai consiglieri annunciando una lettera al ministro dell’Interno e al prefetto dell’Aquila affinche’ facciano chiarezza. Erano presenti Enzo lombardi, Franco Mucciante, Luigi d’Eramo, Nicola Iovenitti, Roberto Tinari, Maurizio Leopardi, Corrado Sciomenta ed Emanuele Imprudente.
    "Credo – ha detto  Enzo Lombardi (Fi) – che non possa piu’ essere tollerato un simile modo di agire. Il presidente del Consiglio per evitare un strafalcione alla maggioranza ci ha comunicato prima con un sms, poi con una lettera, che la seduta prevista oggi non si faceva piu’. Guarda caso, proprio oggi andavano in aula argomenti importanti come l’universita’, i rifiuti, il contratto di servizio dell’Asm". Nella lettera e’ scritto che l’annullamento della riunione si deve alla necessita’ di acquisire il parere del collegio dei revisori dei conti sul contratto di servizio. "In realta’ – hanno aggiunto gli esponenti di centrodestra – la nostra sensazione e’ che si voglia in ogni modo evitare la discussione sulla mozione presentata da Giustino Masciocco (Sinistra democratica), relativa alla sfiducia al cda dell’Azienda farmaceutica municipalizzata". Secondo i consiglieri di opposizione, "e’ intollerabile la faciloneria con la quale procede l’amministrazione e sono penalizzanti le modalita’ di lavoro usate con la citta’ che ormai e’ all stremo, con la candela in bocca, e attende risposte su temi importanti".

    MpL Comunicazione @ 11:26
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com