• Calendario/Archivio

  • aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  
    Cialente sotto

    Posted on domenica 25 gennaio 2009

    Eppure il Capitan Cialente l’aveva detto: non mi farò mai trattare dal Consiglio come Tempesta, che andava spesso sotto per mancanza di numero legale.  Cialente ha rispettato la promessa ma al contrario: lui si fa trattare peggio ma molto peggio di Tempesta.  Infatti il sindaco si fa prendere a pesci in faccia pure dai dirigenti, cosa che Tempesta non permetteva…

    Nell’attesa del rimpasto, anche ieri il sindaco "che non c’è" è andato maldestramente al tappeto per gli insanabili contrasti all’interno della "maggioranza".   Gli “scontenti” della maggioranza hanno determinato prima il caos sulla "pregiudiziale Lombardi"  e poi  la  mancanza del numero legale.  La "vexata quaestio" era la ratifica dell’accordo di programma su Piazza d’Armi tra l’Ente e i privati: la società Ima e  Barattelli.  È stato proprio il progetto di questo privato a essere l’oggetto della pregiudiziale avanzata da Lombardi:  su quell’area – ha ricordato Lombardi – esiste un vecchio progetto,   approvato dal Consiglio, che prevedeva la realizzazione di uno svincolo e di un parcheggio di scambio sullo stesso sito. Inoltre sulla proposta Barattelli i consiglieri hanno ricevuto nei giorni scorsi anche una diffida da parte della società Margherita ad approvare l’intervento.

    Sull’esposizione di Lombardi, la granitica maggioranza di Cialente si è dissolta come neve al sole di luglio.  Alle 13 hanno risposto all’appello solo 14 consiglieri. Consiglio sciolto, ennesima figuraccia del sindaco e dei suoi Benedetti.

    Ci si rivede giovedì prossimo. Sperando nella buona sorte.

    Il sindaco non si adira più, come nei primi mesi. Non minaccia,  Massimo Cialente,  il tutti a casa.  Perché non si tratterebbe di minaccia, ma di evento ad alta probabilità. 

    Cialente ha soltanto  ricordato che il  31 gennaio salterà l’accordo di programma per l’intera area di piazza d’Armi. Per bruciare le tappe il primo cittadino ha chiesto ai capigruppo di fare una riunione subito dopo il Consiglio durante il quale sarebbe emerso, fra le altre cose, che le due delibere dell’81 e dell’89 sarebbero decadute . Ma queste cose il presidente del Consiglio non le sa?  E gli uffici? E’ possibile che in questo Comune nessun dirigente sia responsabile di nulla? Perché Cialente ed assessori non sapevano di atti precedenti su Piazza D’Armi?  Cose gravissime, che accadono soltanto all’Aquila.

    Giovedì altra puntata della telenovela di Capitan Cialente. Andare al Consiglio comunale dell’era Cialente è meglio che andare al cinema. Ed è pure gratis.

    E.T.

    MpL Comunicazione @ 15:49
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com