• Calendario/Archivio

  • novembre: 2020
    L M M G V S D
    « Ott    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  
    Cialente furioso

    Posted on giovedì 29 luglio 2010

    Cialente in queste ore è un profluvio di accuse (come al solito esagerate nel metodo e nel merito) contro governo e protezione civile.  Con questo attacco frontale, crudo, scorretto e polemico oltremisura, Cialente si è messo all’angolo da solo. Un gioco pericoloso che nuoce all’Aquila. Nuoce all’Aquila, un sindaco che dopo mesi di ambiguità e passività nei confronti del governo, cambia completamente strategia e ribalta il tavolo, considerando ora il governo come un nemico.  Senza l’appoggio pieno del Governo, L’Aquila non potrà essere ricostruita. Rompere con Bertolaso e Berlusconi, come ha fatto oggi il sindaco, significa privarsi della possibilità di dialogare con lo Stato.  Per salvare la sua claudicante poltrona, Cialente è ormai disposto a tutto. Per il bene dell’Aquila, ora il sindaco dovrebbe dimettersi. Con lui al timone, la città è finita.  Riportiamo alcune delle nervose dichiarazioni del sindaco-che-non-c’è: "Accusare gli enti locali di non essere capaci di affrontare il terremoto e’ un atto gravissimo, credo che a questo punto emerga un problema di moralità’ e trasparenza, ma che riguarda anche la democrazia di questo Paese, problema che ho già’ segnalato al Quirinale”  (al governo stanno tremando tutti per la segnalazione di Cialente…).

    ”A mancare sono solo i soldi – urla Cialente – che il governo per mesi non ci ha dato come era invece suo dovere e abbiamo dovuto prendere manganellate a Roma per smuovere finalmente qualcosa. Il governo, forse scientemente, insinua poi Cialente ci ha lasciati soli e senza mezzi , non appena la Protezione civile si è defilata, lasciandoci i suoi debiti, ed enormi problemi irrisolti, tra cui il Progetto Case che ha forti limiti di gestione, guasti, ed errori di progettazione e ha soddisfatto come noto solo una parte del fabbisogno abitativo. E ancora rincara la dose Cialente: dicono che non sappiamo spendere i due miliardi di euro stanziati dal governo per la riparazione delle case, non dice però Berlusconi che molti cittadini non possono accedere a questi fondi perché il governo nonostante le ripetute sollecitazioni non chiarisce con un decreto se questi soldi vadano chiesti come indennizzo o contributo, e non dice che le seconde case, di cui gran parte dei centri storici da ricostruire sono costituiti, non hanno accesso a tale fondo.  L’Aquila non è Kabul" – conclude un Cialente sopra le righe, assai poco istituzionale. E poi:  non abbiamo bisogno di truppe di occupazione (e perché mai la Protezione civile sarebbe un esercito ostile’). … E qui la fregnaccia conclusiva:  la protezione civile secondo il Cialente furioso  non ha autorevolezza morale per ricostruire la nostra città.

    Eh già, lo ha detto proprio: "L’eventuale ritorno del Dipartimento della Protezione civile rappresenterebbe un problema serio, del resto, io sono sicuro che lo stesso Guido Bertolaso non sia contento delle affermazioni del premier, non abbiamo bisogno delle truppe di occupazione. E’ possibile – ha proseguito Cialente – che dopo le botte di inizio luglio a Roma, i fondi comincino ad arrivare e adesso, a fronte di mesi di difficoltà’ economiche, il governo sia pronto a una nuova passerella mediatica sulle spalle degli aquilani. Ricomincia per caso lo show? Siamo ancora in emergenza? Perché’ deve tornare la Protezione civile? Una delle cose più’ gravi e’ l’affermazione di Bertolaso, il quale ha detto che i fondi bisogna saperli chiedere: ma cosa dovrei fare, andare in giro con un piattino e far finta di allattare? Ci siamo trovati in forte difficoltà’ – ha affermato ancora Cialente- anche a causa dei debiti lasciati dalla Protezione civile. abbiamo bisogno di personale, ma ci hanno risposto picche. La Protezione Civile aveva 400 persone a pieno servizio, la Sge, Struttura per la Gestione dell’Emergenza, ha personale dimezzato e non ci sono fondi"…..ecc.ecc.

    Certo che Cialente si è proprio incazzato: aveva un bel giocattolo, la ricostruzione, e ci giocava con Chiodi…ed ora con che giocano?

    MpL Comunicazione @ 20:58
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com