• Calendario/Archivio

  • gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Nov    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
    Chiusura centro storico

    Posted on martedì 7 settembre 2010

    Inspiegabilmente, il sindaco Cialente ha prorogato la chiusura del centro storico.  E’ vero che piccole scosse continuano,  ma la scienza dice che la probabilità di un terremoto devastante – tra l’altro nell’area dei monti reatini – è inferiore al 2%.  Evidentemente è l’irrazionalità a guidare le decisioni pubbliche: se i terremoti non si possono prevedere, che senso ha chiudere il centro storico?  Le istituzioni si agitano per evitare conseguenze giudiziarie, ma le conseguenze delle decisioni irrazionali sono comuqnue devastanti.  E’ tutto un insieme di iniziative spesso scomposte, nebbie fumogene solo per dare il contentino a giornalisti emotivi ed opinioni pubbliche influenzabili.    

    Il sindaco Cialente ha quindi prorogato  la chiusura del centro storico dell’Aquila. Il centro è già stato chiuso nei giorni scorsi. E fino a quando durerà la chiusura?  Fino a fine settembre?  Fino a Natale? Fino alla Befana?  E già che ci siamo, perché non chiudiamo fino a Pasqua 2011? E oltre?  Del resto i terremoti non si possono prevedere, quindi chiudere il centro non ha alcun senso, né ha senso prendere tali decisioni sulla base di sequenze sismiche di impossibile interpretazione predittiva.     La chiusura,  come abbiamo già osservato, ha invece  un grosso significato: la fuga dei pochi turisti, il ritorno dell’angoscia e dell’incertezza sul futuro, il fallimento degli esercizi commerciali che con grande fatica avevano riaperto, lo scoraggiamento di altre decine di  operatori economici che stavano allestendo la ripresa delle attività. Si vuole la morte dell’Aquila?  Bene, si continui a dare retta a pochi giornalisti emozionati ed a qualche  stregone.  La comunità scientifica internazionale assiste attonita agli eventi dell’Aquila, e definisce i comportamenti delle istituzioni e dei mass media quantomeno "bizzarri".   Decisioni chiaramente insensate, ma ormai la sismologia la fanno maghi e giornali. E con l’irrazionalità, l’ignoranza, la notte della ragione  si generano mostri e disastri. Da oggi in poi, ad ogni sequenza sismica, per timore della Magistratura, si chiuderà il centro storico?  Si allestiranno tende?  Si chiuderanno uffici?  Ma qualcuno vuole fermarsi e ragionare sul fatto che ci stiamo infilando in un tunnel senza uscita? 

    MpL Comunicazione @ 10:08
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com