• Calendario/Archivio

  • marzo: 2021
    L M M G V S D
    « Feb    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  
    Chiodi priorit

    Posted on venerdì 17 ottobre 2008

    La priorità assoluta di Gianni Chiodi è quella di ripristinare la fiducia tra i cittadini e la politica perché adesso «c’è una frattura che pare insanabile». Questa la prima rassicurazione lanciata in occasione della presentazione ufficiale di questa mattina. Chiodi è apparso emozionato nella sua prima uscita pubblica….

    Chiodi  ha parlato per circa dieci minuti a braccio, una vera innovazione rispetto agli sproloqui ai quali ci hanno abituato i politici, ed ha avvertito tutti: «tendo a fare più che a parlare». Una delle priorità enunciate oggi quella di risanare le finanze: «L’Abruzzo non è sull’orlo del baratro ma è dentro al baratro», ha detto, «quindi bisognerà cercare di far quadrare i conti». Questo il primo passo.  Come intenderà farlo, non lo ha chiarito ancora, bisognerà valutarlo con tutta la coalizione.  Ma «di sicuro», ha già anticipato, «non ci saranno nuove tasse per i cittadini».


    Un altro dei punti fondamentali di un suo eventuale mandato la questione Sanità: «daremo linee guida generali, lavoreremo gomito a gomito con il commissario Redigolo che avrà le redini del gioco».  Chiodi ha già detto di non essere «contrario alla sanità privata. E’ una libera scelta dei cittadini decidere dove andare». Lui ha fatto appello agli imprenditori del campo: «fino a questo momento c’è stata una falsa concorrenza. Dovranno diventare veri imprenditori per combattere sul mercato ad armi pari. Gli ospedali pubblici però dovranno funzionare bene».   Altro punto fondamentale «abbassare la percentuale del bilancio regionale destinato alla sanità», (attualmente più dell’80%): «abbiamo bisogno di soldi da destinare alle nuove infrastrutture, agli incentivi alle imprese e tanto altro».

    Ha preso la parola anche Gaetano Quagliariello che in queste settimane ha avuto il compito di scegliere il candidato.  Lui ha confermato che il Pdl correrà da solo: «non abbiamo voluto altre forze al nostro fianco (riferendosi all’Udc e La Destra) perché stiamo puntando al futuro. Non vogliamo tornare al passato e affiancarci a partiti con i quali abbiamo già collaborato. Il nostro obiettivo è dare un segnale di rinnovamento».  L’Udc, secondo Quagliariello, «fa parte del passato e noi vogliamo andare avanti. Per adesso il Pdl è una federazione ma noi puntiamo a divenire un unico partito».


    Restano in posizioni di primo piano anche gli altri quattro candidati che con Chiodi erano in corsa. Filippo Piccone e Fabrizio Di Stefano saranno coordinatori regionali e insieme a Chiodi dovranno definire la lista dei candidati consiglieri. Insomma, chi ha lottato con Chiodi per la candidatura, ora dovrà guidare il Chiodi-carro. Come si deve fare in una stessa coalizione con comune obiettivo: vincere. E vinceremo, è stato detto. Del resto, vista la disastrosa eredità lasciata da Del Turco& Quarta e lo stato confusionale in cui versa il PD, vincere per Chiodi è cosa abbastanza scontata. Governare invece sarà più difficile, perché l’Abruzzo è messo male, male, male.

    MpL Comunicazione @ 15:18
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com