• Calendario/Archivio

  • ottobre: 2019
    L M M G V S D
    « Set    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
    Chiodi e Piccone in corsa

    Posted on lunedì 18 agosto 2008

    Quasi tutti hanno ritirato le loro dimissioni, a partire dal trombato eccellente alla Provincia di Pescara. Ma loro no. Loro vanno avanti e sono sicuri del fatto loro. L’ex sindaco di Teramo, Chiodi, e l’ex sindaco di Celano, sen. Piccone, hanno confermato oggi le dimissioni. Oggi era l’ultimo giorno utile per ritirare le dimissioni e, quindi, sono ormai entrambi "ex".  Se hanno mantenuto la loro decisione di dimettersi,  hanno avuto garanzie di candidatura alla presidenza della Regione. Altrimenti non l’avrebbero fatto. Ma uno dei due resterà fuori, forse tutti e due. E Chiodi si è lanciato senza paracadute: almeno Piccone resterà senatore, il che non è certamente poco…

    Un’estate caldissima per la politica. Il voto del 30 novembre obbliga ad accelerare i tempi: entro il venti di ottobre, devono essere presentate le liste. E quindi entro il dieci settembre occorre scegliere il candidato presidente e definire la strategia di alleanze, con l’UDC che gioca su tutti i tavoli.


    Dopo le dimissioni, divenute irrevocabili, dei sindaci dei comuni di Giulianova e Teramo, il Prefetto di Teramo ha inoltrato al Ministero dell’interno la proposta formale di scioglimento degli organi consiliari dei due comuni e la nomina di due commissari prefettizi. Si tratta, per il comune di Teramo, di Leopoldo Di Mattia e per quello di Giualianova, di Paola Iaci, dirigente della prefettura di Teramo.  Gli altri nomi che circolano rappresentano ambizioni e risultati di tramestii e operazioni per ora in ombra, senza ufficialità. Qualche orientameno potrà emergere da un vertice del centrodestra, che dovrebbe tenersi venerdì.  L’IdV farà sapere cosa intende fare dopo il vertice di S.Salvo, al quale sarà presente Antonio Di Pietro. In serie difficoltà il PD. La raffica di arresti ha decapitato il partito, e l’applicazione del codice etico voluto da Veltroni lascerebbe fuori alcuni dei maggiorenti del partito, a partire da quel Donato Di Matteo, potente assessore ai trasporti, coinvolto nello scandalo dell’acqua tossica.

    MpL Comunicazione @ 15:47
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *