• Calendario/Archivio

  • maggio 2022
    L M M G V S D
    « Gen    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  
    Catrical liberalizzatore

    Posted on martedì 1 marzo 2011

    Solito mare di chiacchiere sulle liberalizzazioni, questa volta dall’Antitrust. Considerata la fase di stagnazione che il paese sta attraversando, dice Catricalà, presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato “Sono nove mesi che attendiamo la legge annuale sulla concorrenza ma non demordiamo: buona parte dell’impegno della nostra Authority resta finalizzato a fornire le indicazioni per una frustata liberalizzatrice all’economia del paese”.  “Al primo Consiglio dei ministri di questo febbraio – dice Catricalà – un disegno di legge finalmente era stato posto all’ordine del giorno, ma poi non se ne è fatto nulla”. Dal governo fanno sapere di voler accorpare il ddl concorrenza a un altro progetto legislativo sulla semplificazione: “Non sono contrario a questa ipotesi – spiega Catricalà – purché si arrivi a una discussione in Parlamento”. Ancora la settimana scorsa il Garante ha presentato alcuni dati alla Camera  che dimostrano come “nei mercati europei nei quali c’è una concorrenza regolamentata, si assiste a una diminuzione dei prezzi”.
    Sono cose che sappiamo da decenni, ma nel Paese delle corporazioni (dai notai ai camionisti) è impossibile liberalizzare.  Esempi di una salutare “guerra dei prezzi” ci sono pure in Italia,  dice Ctaricalà: “Basta vedere quanto avvenuto nel settore della telefonia. E’ sotto gli occhi di tutti quanto i consumatori ne abbiano beneficiato”. In verità le tariffe prima erano scandalose, ora sono elevatissime, ma un miglioramento c’è stato. Noi paghiamo tutto di più: dalla benzina ai servizi.  Gli oneri dei fattori produttivi in Italia sono infatti più alti della media Ue: 28 per cento in più per l’energia elettrica, 6 per cento in più per i fidi, 100 per cento in più per la responsabilità civile automobilistica. 
    Il sistema distributivo dei carburanti potrebbe migliorare con il self service in nuove strutture commerciali e con la possibilità di avviare attività non oil nei punti vendita. Tanto da fare nelle banche e nei trasporti.  Più concorrenza nelle ferrovie, nelle banche e nelle assicurazioni; eliminazione delle clausole vessatorie dai contratti di massa. Ecc. ecc. ecc.


    MpL Comunicazione @ 11:19
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com