• Calendario/Archivio

  • ottobre: 2019
    L M M G V S D
    « Set    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
    Casale Marinangeli

    Posted on domenica 31 maggio 2009

    Ecco una lettera aperta alle autorità aquilane, firmata da numerose persone, soprattutto dell’ambiente universitario: "Egregi signori Sindaco dell’Aquila, Presidente della Regione Abruzzo e Presidente della Provincia dell’Aquila, abbiamo letto l’articolo apparso sul Sole24ore che riporta notizie sullo stabile sito a Coppito in vicinanza delle sedi Universitarie della Facoltà di Scienze, Casale Marinangeli. Nell’articolo viene riportato che tale stabile è stato voluto dal Comune dell’Aquila. Alla sua costruzione partecipò anche la Regione Abruzzo con 2,7 miliardi di vecchie lire per una spesa complessiva di 7 miliardi. Il piano regolatore vincola questa grande zona verde, tra la facoltà di Scienze e l’ospedale, a residenze universitarie.

    Sappiamo, anche per averlo visto con i nostri occhi, che lo stabile è completamente rifinito e costruito secondo norme antisismiche vere, che hanno permesso alla costruzione non solo di resistere al terremoto, ma anche di non avere alcun danno né strutturale né di lieve entità.

    Siamo costernati nell’apprendere che la costruzione doveva essere adibita a residenza

    universitaria già da qualche anno, perché completata e collaudata tra il 2001 e il 2002, e che “problemi di gestione” hanno di fatto ingessato la struttura, costruita con soldi pubblici e poi mai utilizzata. La Regione Abruzzo con la diminuzione dei fondi per il Diritto allo Studio, fino a tagli spropositati, ha reso impossibile l’apertura di tale struttura. Nessun ente per il Diritto allo Studio poteva gestire autonomamente il casale a meno di una partecipazione di altri, possibilmente chi l’aveva voluta.

    Ci chiediamo come possa essere costruita una città Universitaria se non dagli investimenti oculati e lungimiranti che si fanno a favore di essa. Il bel casale, oggi cattedrale nel deserto, può e deve essere aperto, subito, anche in autogestione. E magari essere messo a disposizione dei ragazzi della ex-casa dello studente o delle case del centro andate distrutte che, pur desiderando rimanere a L’Aquila, non hanno dove andare. Ci chiediamo, a questo punto, come mai non ci siano state risposte ufficiali al suddetto articolo e per tale motivo vi invitiamo a darci risposte certe e immediate riguardo l’apertura e la messa in funzione della residenza universitaria.

    Noi tutti, insieme a chi vorrà esserci, saremo riuniti nei pressi dello stabile in un

    “pacifico sit-in” il giorno 8 giugno dalle ore 17.00. Siete invitati a partecipare non solo per rispondere alle nostre domande, ma anche e soprattutto per aprire “chiavi in mano” la struttura e farci visitare la NOSTRA costruzione al suo interno. E’

    nostro diritto renderci conto dello stato dell’opera per poter procedere quanto prima a forme di autogestione, sostitutive di una inefficace gestione della “res-pubblica”

    Certi di una vostra sollecita risposta e della vostra partecipazione vi inviamo i nostri increduli saluti L’associazione spontanea “pro-apertura residenza universitaria”

    (seguono molte firme)

    MpL Comunicazione @ 11:42
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *