• Calendario/Archivio

  • febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  
    Cantieri fermi

    Posted on mercoledì 11 maggio 2011

    La ricostruzione leggera è finita, quella pesante non è ancora partita. Le conseguenze sono ovvie: l’aumento della cassa integrazione nell’edilizia. Esprime preoccupazione il Presidente dell’ANCE L’Aquila. Le ore di cassa integrazione nel settore dell’edilizia locale sono in drastico aumento. Dai contatori ufficiali INPS sono oltre 1000 gli operai edili in cassa integrazione ed i numeri ufficiali sono in costante aggiornamento.  Intanto il dato empirico che giunge dalle comunicazioni delle imprese iscritte costrette al ripiego della cassa integrazione, fa presagire un netto peggioramento a causa del fermo dei cantieri.  Occorre precisare che non si tratta di imprese a corto di commesse, situazione che non è garantita da ammortizzatori sociali, ma da situazioni di paralisi dei lavori per cause indipendenti dalle ditte. In moltissimi casi l’impedimento riguarda persino l’apertura stessa dei cantieri.  L’ANCE sta indagando per verificare i reali impedimenti, ascrivibili presumibilmente all’impasse burocratico relativo alla ricostruzione e a breve saranno divulgate le risultanze. " Il dato è allarmante – commenta Frattale – Più volte abbiamo lanciato l’allerta su questo rischio ed ora siamo alla realtà: lavoratori edili in cassa integrazione nel cantiere più grande d’Europa. Un paradosso difficile da spiegare alle famiglie dei nostri operai e che crea problemi finanziari agli stessi imprenditori.  Amareggia veder trascorrere con le mani in mano la stagione ideale per i lavori, che nelle nostre zone dura anche poco. Le richieste di accesso agli ammortizzatori sociali di cui ci giunge notizia aumentano di ora in ora. Se la situazione non dovesse sbloccarsi, sarà il tracollo per il nostro settore e a nulla varrà aprire i cantieri il prossimo anno".

    MpL Comunicazione @ 21:56
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *