• Calendario/Archivio

  • agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    Boom di imprese (cinesi)

    Posted on lunedì 29 agosto 2011

    Sono imprese fatte da cinesi, russi, romeni, albanesi, ecc. Soprattutto da cinesi. La crisi non la sentono proprio. Si moltiplicano come funghi in tutta Italia. Lavorano quai sempre senza essere conosciuti al fisco. Non conoscono ferie, sicurezza sul lavoro, giorni di malattia. Non versano, eccezioni a parte, i contributi. Alla fine dello scorso anno solo i cinesi hanno superato la soglia delle 54mila imprese, scrive un report della Cgia di Mestre. Un dato sottostimato per difetto. Rispetto al 2009, la crescita stata dell’8,5%, mentre le imprese italiane, sempre in questo ultimo anno di dura crisi economica, sono diminuite dello 0,4%. Le aziende italiane guidate da imprenditori cinesi stanno crescendo in maniera esponenziale: tra il 2002 e il 2010 la loro presenza nella nostra penisola cresciuta del 150,7%. Pur riconoscendo che gli imprenditori cinesi hanno alle spalle una storia millenaria di successo – dice Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia – la loro forte concentrazione in alcune aree del Paese sta creando non pochi problemi. Spesso queste attivit si sviluppano eludendo gli obblighi fiscali e contributivi, le norme in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro e senza nessun rispetto dei pi elementari diritti dei lavoratori occupati in queste realt aziendali. Questa forma di dumping economico ha messo fuori mercato intere filiere produttive e commerciali di casa nostra. Il maggior numero di imprenditori cinesi si trova in Lombardia (10.998), Toscana (10.503) e Veneto (6.343). Ma la crescita stata omogenea ed evidente anche in altre parti del Paese. La presenza cinese, infatti, aumentata su tutto il territorio nazionale dell’ 8,5%. Altro dato interessante riguarda l’incidenza degli imprenditori cinesi sul totale dell’imprenditoria straniera presente in Italia. Questo indicatore si attesta intorno al 10%. Dopo i ristoranti e le lavanderie, i cinesi stanno conquistando pelletteria, calzature, abbigliamento e alberghi.

    MpL Comunicazione @ 15:52
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com