• Calendario/Archivio

  • dicembre: 2019
    L M M G V S D
    « Nov    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  
    Bertolaso&Chiodi

    Posted on martedì 26 maggio 2009

    Gli unici ottimisti all’Aquila non sono aquilani: sono Bertolaso e Chiodi.  "Entro la fine di ottobre o al massimo per l’inizio di novembre tutti i cittadini dell’aquilano avranno una casa". Lo ha affermato, per l’ennesima volta, il commissario straordinario per l’emergenza terremoto Guido Bertolaso, intervenuto ieri in una trasmissione in diretta su Youdem.

    Il responsabile della Protezione civile ha poi ammesso che per le circa 15.000 persone che vivevano in abitazioni gravemente danneggiate o completamente distrutte dal sisma, "ci vorranno degli anni prima che abbiano la possibilita’ di rientrare nelle loro case".  Bertolaso ha poi illustrato le nuove abitazioni che stanno per essere costruite: "Si tratta – ha dichiarato – di costruzioni antisismiche, sostenibili ed ecocompatibili. Sono l’applicazione delle tecnologie che si portano avanti in Giappone, dove dopo i terremoti non ci sono morti e danni alle costruzioni. Le case saranno inserite in piccoli quartieri. Saranno aree belle, decorosissime, che verranno costruite su grandi piattaforme di cemento armato sotto le quali poggeranno degli isolatori antisismici. Ogni quartiere potra’ ospitare tra le 2.000 e le 3.000 persone".  Sulle verifiche tuttora in corso nella zona rossa, cioe’ quella interdetta del centro storico dell’Aquila, Bertolaso ha informato che "in tarda serata dovrebbero arrivare i primi risultati sull’agibilita’ degli edifici e delle altre costruzioni".  Sulle problematiche relative a luce, acqua e gas negli appartamenti il sottosegretario alla presidenza del Consiglio ha detto che "i primi due aspetti non mi preoccupano mentre per gli impianti a gas abbiamo avuto qualche problema che dovrebbe essere risolto entro una decina di giorni". Bertolaso è apparso chiaramente infastidito dalle polemiche sul decreto. Purtroppo per lui, in questo Paese esiste ancora la libertà di espressione. Anche all’Aquila.

    E.T. 

    MpL Comunicazione @ 09:50
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *