• Calendario/Archivio

  • aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  
    Bernardi: mi dissocio!

    Posted on sabato 24 gennaio 2009

    Durante la seduta di ieri del Consiglio comunale ho espresso la mia contrarietà personale all’ordine del giorno, proposto dai colleghi Mancini e D’Eramo, sulla mancata nomina, da parte del presidente della giunta regionale, di un assessore aquilano.

    Ritengo infatti che la discussione vada riportata su un piano più alto e più generale riguardo alle politiche delle zone interne e al ruolo della città capoluogo.

    Le ultime legislature hanno infatti visto la nomina di assessori provenienti dalla nostra città o comunque espressione del nostro territorio, eppure è sotto gli occhi di tutti la disattenzione da parte della Regione alle esigenze del comprensorio aquilano e una politica di progressiva penalizzazione delle sue realtà più importanti.

    È forse il momento, dunque, di ripartire da una nuova concezione dell’agire politico, da una progettualità, in definitiva, nuova, efficace e condivisa.

    Occorre promuovere un rinnovato dialogo tra gli enti locali, volto a superare le divisioni e i campanilismi, in nome di un programma di sviluppo e di crescita che riguardi l’intera regione, dal momento che è inevitabilmente debole un territorio che viaggia a due velocità.

    Il rischio, in caso contrario, è che non solo non riusciamo a uscire dalle difficoltà che attanagliano il territorio e le sue realtà produttive e di servizio, ma che ci allontaniamo sempre più dai problemi reali che riguardano i cittadini.

    Forse è proprio questa distanza della politica rispetto alla quotidianità della gente comune ad aver provocato la crisi della politica stessa e la sua incapacità a fornire risposte adeguate, ed è proprio rispetto a questa distanza che si devono misurare le azioni politiche, producendo meno carte di intenti e più risultati concreti.

    Non occorre, insomma, istituire un Comitato. È sufficiente invece un buon agire politico, determinato dalla produzione di atti concreti e credibili da parte delle amministrazioni.

    Utilizzando una metafora proveniente dal mondo nautico, rischia di affondare una barca caricata solo da una parte ed è invece molto più agile e veloce il catamarano, in cui il peso è bilanciato equamente tra le parti.

    Antonello Bernardi (PD)

    MpL Comunicazione @ 10:44
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com