• Calendario/Archivio

  • agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    Battutacce e giornalacci

    Posted on sabato 15 marzo 2008

    Ieri quasi tutti i giornali italiani nelle loro prime pagine hanno dato ampio spazio alla battuta del candidato premier del Pdl Silvio Berlusconi che ad una giovane precaria ha dato il consiglio di risolvere i suoi problemi sposando un giovane ricco, come suo figlio. Eppure era una giornata piena di eventi gravi ed importanti, dall’uccisione dell’arcivescovo Paulos Raho in Iraq, alla elezione per la prima volta nella storia di una donna, Emma Marcegaglia, al vertice di Confindustria, all’arme e prezzi e ai conti che non tornano per l’euro, l’oro e il petrolio. Il problema invece qual era? Che Berlsuconi avrebbe offeso i precari… Che poi la protagonista non si sia sentita offesa, ma abbia preso la cosa come andava presa, vale a dire una frase scherzosa, detta in un certo contesto, dove poi peraltro il discorso è stato ampliato fino ad affrontare concreta-mente il problema posto, conta poco. Conta strumentalizzare e specularci sopra, sperando che serva a guadagnare qualche voto, nei confronti di un elettorato che viene evidentemente considerato a livello assai basso di maturità. Siamo un paese senza speranze, se questo è l’andazzo delle cose, forse non c’è altro commento da fare. E c’è da aggiungere che se queste sono le premesse c’è da preoccuparsi per il proseguo di questa campagna elettorale, dove come elettori abbiamo alla fine il ruolo marginale di chi deve comunque adattarsi all’offerta ricevuta, anche se non ne condivide i termini (vale a dire se non è d’accordo sui nomi proposti nelle liste). Continueremo a vederne delle belle. Ma se il clima è questo i signori dei partiti dovrebbero capire che diventa un rischio conseconcreto la crescita a dismisura del partito del “no grazie” a questa politica sempre più cialtrona e inaffidabile. Alla fine potrebbero trovarsi in pochi a continuare giochi sempre più lontani dal sentire della gente. Se è questo che vogliono ottenere, c’è da dire che sono davvero sulla buona strada.
    Gino Di Tizio

    MpL Comunicazione @ 19:44
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com