• Calendario/Archivio

  • novembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ott    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
    Barca: ci sono 5mld

    Posted on sabato 7 aprile 2012

    Non è la mancanza di soldi, ma la burocrazia della struttura commissariale e la litigiosità del Comune a bloccare la ricostruzione. Questa mattina il ministro per la Coesione territoriale, Fabrizio Barca, (che ha preso parte la scorsa notte alla fiaccolata in ricordo delle vittime del terremoto) si e’ recato a Rocca di Mezzo (L’Aquila) per incontrare i sindaci dei comuni del ‘cratere’. Ed ha ribadito ciò che sappiamo, sperando che questo Ministro oltre a promettere faccia qualcosa: “Il problema non sono le risorse. Le risorse finanziarie ancora non assegnate alla ricostruzione che sono 5 miliardi e 700 milioni di euro – ha detto Barca al Tgr3 – sono assolutamente adeguate per l’avvio della ricostruzione dei centri storici. Non c’e’ una gara tra centri storici e periferie o una gara fra L’Aquila e gli altri comuni. Questo e’ evidente. Quando il processo sara’ piu’ avanti – ha aggiunto – scopriremo ovviamente che avremo bisogno di altre risorse, questo lo sappiamo fin da oggi ma non dobbiamo fasciarci la testa oggi. Quando saranno necessarie ci saranno come ci sono state come in tutti gli altri terremoti avvenuti nel Paese”. In riferimento poi all’incontro con i sindaci che hanno presentato la ‘fotografia’ del territorio che deve fare i conti con problematiche relative alla ricostruzione, al lavoro, alle scuole, al sociale, il ministro Barca ha risposto: “Ognuna di queste voci da sola rischia di produrre sovrapponendosi con le altre, del rumore. Ma se queste voci sono assieme e parlo di una cosa precisa, di domanda, di beni e di servizi collettivi, cosa serve in piu’ oltre alla ricostruzione?. Serve migliorare ad esempio le scuole e dove?. Questi comuni sono disposti, invece di avere quattro plessi distinti, unificarli per avere una scuola migliore?. E sono disposti ad avere dei servizi domiciliari per gli anziani?. Se queste voci arrivano organizzate allora sono voci sentibili alle quali si puo’ corrispondere”. Infine l’invito a sostituire la parola speranza con fiducia: “La speranza e’ un atto riconducibile ad un messia, di messia non ce ne sono, la fiducia e’ invece un sentimento reciproco che funziona solo se e’ bilaterale”.

    MpL Comunicazione @ 13:02
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *