• Calendario/Archivio

  • ottobre: 2020
    L M M G V S D
    « Set    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  
    Autostrade abruzzesi, vergogna

    Posted on venerdì 31 dicembre 2010

    Autostrade in perenne manutenzione (è questo il modo per far aumentare le tariffe),  senza stazioni di servizio, pericolose con la pioggia e la neve, opere di miglioramento spesso incomprensibili e comunque lentissime. Ma anche autostrade più care d’Italia. Un altro triste record dell’Abruzzo.  La Confcommercio definisce vergognoso il via libera al provvedimento che da domani comportera’ l’aumento delle tariffe autostradali di oltre l’8% (fra i piu’ cari in Italia), che investira’ in pieno la tratta Pescara-L’Aquila-Roma, in un Abruzzo ancora scosso dalle drammatiche conseguenze del sisma del 2009, che ancora si manifestano profondamente sulla vita sociale ed economica della nostra regione. Anzi – osserva l’associazione – ci saremmo quasi aspettati non solo il blocco degli aumenti, ma addirittura una riduzione degli stessi, sia a fronte della grave situazione sopra evidenziata, sia in considerazione dei disservizi che giornalmente si incontrano proprio su A24 e A25, dove cantieri e manutenzioni sono presenti costantemente, con i relativi negativi riflessi sulla scorrevolezza del flusso veicolare. L’aumento appare ancora piu’ inspiegabile se si pensa che da anni la Confcommercio si batte per la velocizzazione dei tempi di accesso alla Capitale una volta giunti al casello di Roma Est della A24, che come noto prevedono quasi due ore di intasamento sul raccordo per arrivare dalla barriera nella citta’, quando e’ sufficiente meno di un’ora e mezzo per percorrere l’intero tratto da Pescara a Roma. Nonostante cio’, i tanto attesi lavori per la costruzione della viabilita’ complanare al raccordo, iniziati solo nel corso del 2010, procedono con una lentezza che non lascia presagire la risoluzione della problematica se non prima di lunghi anni. Per non parlare della piu’ volte invocata realizzazione di un’area di servizio nei pressi di Sulmona – Pratola Peligna, visto che dall’ingresso di Pescara fino ad Avezzano non ne esiste alcuna, lasciando gli utenti senza possibilita’ di fare rifornimento o usufruire dei servizi per oltre cento chilometri! Ripetiamo – afferma la Confcommercio -: e’ una vergogna! Ma a questo punto, visto che i precedenti sembrano essere caduti nel vuoto, non rivolgiamo piu’ un semplice appello agli Enti interessati, ma diciamo: ‘Sveglia Regione!’, ‘Sveglia Province!’, ‘Sveglia Comuni!’. E questo per esortare con forza i nostri rappresentanti istituzionali ad intervenire presso le sedi competenti per sollecitare il ritiro di un provvedimento veramente nefasto, che in un momento di grave difficolta’ che investe il Paese in generale e l’Abruzzo in particolare, colpisce pesantemente e ulteriormente una regione gia’ in profonda crisi per le recenti e non ancora riassorbite conseguenze del terremoto. Le ultime situazioni intollerabili si sono verificate a metà dicembre, a causa del maltempo ampiamente previsto e scontato: è in atto la preparazione di una class action degli automobilisti per il risarcimento dei danni.
    MpL Comunicazione @ 16:10
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com