• Calendario/Archivio

  • aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  
    ASL, un dramma

    Posted on domenica 25 gennaio 2009

    Da mesi e mesi la malagestione della Asl dell’Aquila viene denunciata. Esposti alla Magistratura ed alla Corte dei Conti. Richieste alla politica di rimuovere il manager Marzetti. Per ora nulla, ma ieri il sen.Di Stefano (PDL) ha lasciato intendere che presto i manager Asl saranno sostituiti. Speriamo bene. Intanto registriamo l’ennesima e giusta protesta contro la politica dei tagli  al servizio e dei continui lavori edili del manager della Asl dell’Aquila, Marzetti:

    Il piano di rientro dal debito è una scusa per ridurre il servizio e dirottare le risorse su altre attività (come i continui lavori edili). «Non solo razionalizzazione dei servizi, ma anche qualità dell’assistenza». Il segretario generale della Cisl Sanità Gianfranco Giorgi ha inviato una lettera al commissario regionale Gino Redigolo per avere chiarimenti «su ciò che si sta verificando nelle Sanità, conseguenza delle scelte strategiche imposte dalla Regione».  Per Giorgi è indubbio che il dissesto finanziario in cui ha trovato i conti della Sanità abruzzese le impongono scelte anche dolorose, poiché non è ulteriormente perseguibile la strada degli sperperi, ma, oltre al raggiungimento del pareggio economico, bisogna anche percorrere la strada della qualità dell’assistenza erogata, partendo dalle reali necessità dei pazienti in base ai dati epidemiologici, in quanto i primi a farne le spese sono gli utenti e segnatamente quelli più bisognosi di cure».

    «Si sta profilando uno scenario inquietante – aggiunge Giorgi – posti letto diminuiti ben oltre quelli previsti dalla legge, liste di attesa improponibili, accorpamenti di reparto in modo assolutamente indiscriminato, riduzione di personale, malati in attesa al Pronto Soccorso per ore e ore. È la babele della Sanità!. È giusto che oltre a vivere in uno stato di enorme disagio, per quanto detto, i cittadini e gli operatori debbano essere anche colpevolizzati come se fossero loro responsabili per quanto accaduto? È necessario che si faccia un passo indietro rispetto ai propositi sopra elencati ed è utile riflettere insieme per trovare un possibile equilibrio: continuare per la strada intrapresa impone al mondo sindacale al completo di scendere in piazza al fianco degli utenti e degli operatori».

    MpL Comunicazione @ 15:32
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com