• Calendario/Archivio

  • aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  
    Ascom boccia decreto

    Posted on sabato 23 maggio 2009

    Convocato d’urgenza dal Presidente Ascom Alberto Capretti, si è riunito stamattina alle ore 9 il Consiglio Circondariale Confcommercio L’Aquila per esaminare le problematiche irrisolte da parte dell’Amministrazione Comunale legate alle conseguenze del sisma del 6 Aprile che hanno impedito a oltre 1.000 operatori economici cittadini di svolgere le proprie attività a causa dei danni subiti.

    Dopo una dettagliata relazione introduttiva sulle numerose attività ed iniziative messe in campo da Confcommercio dal 7 Aprile, giorno successivo al sisma, per fronteggiare le emergenze e le prime necessità delle imprese commerciali e delle altre categorie produttive, il Consiglio si è soffermato sulla urgenza, non più rinviabile, di far ripartire subito le aziende che da quasi due mesi sono inattive con gravi conseguenze economiche, occupazionali e familiari.

    Alla luce anche dell’esigenza irrimandabile di individuare aree e modalità legali per riaprire anche provvisoriamente negozi in strutture temporanee da tempo rappresentate nei numerossissimi incontri avuti con l’Amministrazione Comunale ed il Sindaco dell’Aquila.

    L’Organo Sociale, considerato il fatto che la seduta di ieri del Consiglio Comunale,pur avendo fissato all’ordine del giorno le indispensabili delibere atte ad impedire situazioni di illegalità diffuse ed incontrollate, ha deciso di rinviare provvedimenti vitali per l’auspicata ripresa di tutte le attività produttive. Il Consiglio Ascom ha deliberato, all’unanimità, di inviare una nota di ferma protesta che sottolinea l’assoluta irresponsabilità di tale sciagurata decisione, al Sig. Sindaco dell’Aquila, agli Assessori competenti, al Presidente del Consiglio Comunale, ai Capigruppi Consiliari, richiedendo con un telegramma, un immediato incontro con l’Amministrazione Comunale al fine di sbloccare senza più indugi una situazione che, ora dopo ora, giorno dopo giorno, rischia sempre più di sfuggire di mano.

    Il Consiglio Ascom ha altresì deciso di inviare al Sig. Prefetto di L’Aquila, Dott. Franco Gabrielli, la richiesta di un urgentissimo incontro, peraltro immediatamente accolto e fissato per le ore 17 di oggi, per rappresentare i concreti rischi che potrebbero derivare da questo che ormai è un incomprensibile immobilismo dell’Amministrazione Comunale che, a più di 45 giorni dal terremoto, non è stata ancora capace di assumere provvedimenti che si sarebbero potuti adottare in pochissimi giorni.

    Il Direttore Provinciale Confcommercio Celso Cioni a margine del Consiglio ha dichiarato: “Con una decisione che incredibilmente ha deciso di non decidere, il Consiglio Comunale ha sancito ormai, in maniera definitiva, la propria impotenza amministrativa e, di fatto, la conseguente autodelegittimazione. Nell’incontro odierno con il Sig. Prefetto rappresenteremo la gravissima situazione e chiederemo l’adozione di provvedimenti straordinari in considerazione del fatto che migliaia di imprenditori, di persone aquilane, che chiedono soltanto zappe e sementi, non grano, quindi di lavorare, sono di fatto impedite a farlo e questo accade in una Repubblica, come la nostra, fondata sul lavoro come da dettato costituzionale.

    MpL Comunicazione @ 09:03
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com