• Calendario/Archivio

  • febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  
    Ance: fermare il declino

    Posted on venerdì 14 giugno 2013

    «Bisogna impegnarsi per riuscire a fare impresa, abbattere le barriere che ci sono, ottenere le risorse per riattivare l’economie, fare intervenire la cassa depositi e prestiti, sollecitare finanziamenti che rispecchiano la funzione storica della cassa depositi e prestiti tramite il risparmio postale. In altre parole bisogna agire per evitare al nostro Paese il declino». Questo il concetto espresso da Paolo Buzzetti, presidente nazionale dell’Ance all’inaugurazione del Salone della Ricostruzione, che aggiunge: «La partnership strategica tra il Salone della Ricostruzione e il SAIE di Bologna, la più importante manifestazione del settore, si rivela perciò decisiva perchè conferma l’impegno in tal senso di tutta la filiera della costruzioni italiane a voler ripartire. L’Aquila dovrà essere il cantiere migliore di tutta Europa, più avanzato per tecnologie, sicurezza del lavoro e standard. Un esempio da seguire e da mostrare. Il recupero», conclude Buzzetti, «va costruito anche dal punto di vista sociale, guardando al futuro, allora L’Aquila e il terremoto stanno in cima a quelli che possono essere interventi pubblici a favore della ripartenza dell’occupazione, non possono esserci ingombri e altri impedimenti. Le imprese tornino a costruire e lo facciano in qualità».

    Presente anche il presidente di Ance L’Aquila, Gianni Frattale, che mostra un moderato ottimismo: «Il primo Salone era quello del fervore con la ricostruzione da pianificare, il secondo quello dell’impazienza, con la ricostruzione periferica pianificata ma un ingorgo burocratico da semplificare. Questa è l’edizione dell’incertezza, in cui scopriamo che dobbiamo stare fermi per un giro perché non ci sono fondi. Ricostruire in 5 anni è tecnicamente possibile, chi si occupa di economia territoriale sa che per conservare un tessuto economico e territoriale si deve ricostruire in cinque anni e 4 sono già andati. La città piena di gru, un messaggio di speranza è quello che vogliamo lanciare da questa edizione. Gli imprenditori sono pronti, vorremmo sentire la stessa determinazione dalla forze politiche».

    MpL Comunicazione @ 20:45
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *