• Calendario/Archivio

  • giugno: 2020
    L M M G V S D
    « Mag    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  
    AliOne/9

    Posted on lunedì 24 marzo 2008

    Il sindacato attacca il Governo e chiede esplicitamente che il fascicolo Alitalia sia riaperto dal prossimo esecutivo. La Cisl è la più critica: "Prodi farebbe bene a dire su quali basi si è accordato con Air France – ha detto Bonanni –  avendoci tenuto all’oscuro di tutto per lunghi mesi".  A questo punto, per il segretario della Cisl,  "sarebbe il caso di prendersi tutto il tempo e aspettare anche il prossimo governo, giacchè chiunque prenderà Alitalia dovrà fare i con il nuovo esecutivo. Noi queste cose le diciamo in nome dei lavoratori che sono stati tenuti all’oscuro di tutto per responsabilità del governo". 
    I sindacati sono rimasti molto irritati pure dalle dichiarazioni di Micheli, sottosegretario alla presidenza del consiglio, il quale ha detto che
    "Lufthansa, nonostante i ripetuti inviti di Prodi a farsi avanti, si è ritirata perchè i sindacati tedeschi dopo lo scambio di vedute con i sindacati italiani hanno diffidato la compagnia ad occuparsi di Alitalia".  Insomma,  secondo quel noto geniaccio di Micheli, Lufthansa sarebbe stata indotta ad abbandonare la gara sulla base di voci pervenute dai sindacati italiani.  La singolare dichiarazione di Micheli ha determinato una risposta durissima da parte di tutte le sigle, a partire dalla Cgil, che ha accusato il governo di non dire la verità. La fuga di Lufthansa – dicono i sindacati con varie sfumature – sarebbe stata dettata non dagli ostacoli posti dai sindacati italiani , bensì dal fatto che la compagnia tedesca conosceva perfettamente di un asse privilegiato tra Prodi ed Air France, di un rapporto indissolubile, di una chiara preferenza di Prodi, a prescindere dall’offerta economica, per la compagnia francese.  Parole durissime, quelle del sindacato, che praticamente accusano elementi di primissimo piano del governo – Prodi e Padoa Schioppa – di aver deciso  la cessione ad Air France  ancora prima dell’espletamento della gara.

    Il sindacato cala dunque la sua richiesta: se Air France non modificherà il piano per l’acquisto di Alitalia, soprattutto sulla parte esuberi,  non potrà avere l’assenso dei lavoratori. Lo afferma il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, in vista della ripresa del confronto con i vertici della compagnia francese martedì pomeriggio. "Il nostro senso di responsabilità è fuori discussione anche in questa circostanza e anche a fronte delle molte incongruenze del governo. E’ proprio la responsabilità verso il paese che ci porta a chiedere ad Air France – afferma Epifani – di modificare il piano per avere più investimenti sulla flotta, per conservare la manutenzione in Italia e per dare un’equa soluzione al problema di Malpensa. Per noi, ora le chiacchiere sono a zero e senza modifica del piano non ci sarà il nostro consenso". Sulla stessa  lunghezza  d’onda  le altre sigle:  "Se Air France apporta modifiche alla sua proposta faremo l’accordo, se non modifica nulla vale a dire che non vuole l’accordo", è la linea del sindacato

    Il durissimo confronto tra Prodi e sindacato viene commentato negli ambienti della politica.  Zipponi, responsabile economico del Prc, invita il premier a riconvocare Lufthansa per capire quali siano state le vere ragioni del disimpegno, dopo l’interesse mostrato in passato. Il forzista Napoli ritiene invece che le parole di Bonanni "impongono al presidente Prodi e al ministro Padoa-Schioppa di astenersi da qualsiasi ulteriore decisione sulla vendita di Alitalia". "Mi pare che la situazione sia totalmente fuori controllo – dice invece Maroni, capogruppo della Lega Nord alla Camera – e per questo chiediamo che Prodi riferisca subito in Aula".

     

    MpL Comunicazione @ 20:32
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com