• Calendario/Archivio

  • febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  
    AliOne/137

    Posted on lunedì 12 gennaio 2009

    Con il sì del cda di Cai all’intesa con Air France termina lo scontro sul partner straniero della nuova Alitalia: la compagnia cederà il 25% del capitale al colosso franco-olandese per una cifra che – secondo indiscrezioni – dovrebbe aggirarsi sui 320 milioni. Air France sarà dunque il primo azionista di Alitalia e avrà tre rappresentanti nel board. Da Parigi il via libera all’accordo era arrivato già venerdì. Fino all’ultimo la Lega e la Letizia Moratti hanno sperato in  Lufthansa. 

    Ma poche ore prima della decisione del cda di Cai ero stato lo stesso premier a evidenziare come «non ci siano più i tempi per un inserimento di Lufthansa in una trattativa che è molto avanzata tra Alitalia e Air France». La compagnia tedesca, aveva sottolineato Berlusconi, non ha «mai avanzato una proposta concreta, né la richiesta di un termine per presentare una proposta». E la stessa Lufthansa la scorsa settimana aveva chiarito di non aver depositato un’offerta, ma soltanto un progetto per una cooperazione con Cai all’interno di Star Alliance. A tal riguardo, ha dichiarato un portavoce dopo le affermazioni della Moratti, «non c’è nulla di nuovo». La cronaca di questo fine settimana registra quindi una soluzione definitiva, almeno apparentemente, sulla questione Malpensa che divideva la stessa maggioranza di governo. La notte di venerdì la commissione bilancio della Camera ha infatti approvato un emendamento al decreto anti-crisi. Emendamento definito ‘Salva-Malpensa’ che, andando incontro alle richieste della Lega Nord e di settori della maggioranza particolarmente legati alle sorti dello scalo varesino, impegna il governo a rinegoziare gli accordi bilaterali con alcuni paesi extracomunitari in modo da favorire la nascita di nuovi collegamenti internazionali con lo scalo lombardo.
    Intanto continua il conto alla rovescia per la nuova Alitalia: il decollo è previsto per martedì 13 gennaio. Alle 6.10, il volo Az205 in partenza da Londra Heathrow per Roma dovrebbe dare inizio ai collegamenti della nuova compagnia di bandiera italiana. Dopo mesi di trattative, polemiche, proteste e blocchi. Ma le ultime ore non saranno meno concitate. Cruciali e delicate, infatti, sono le partite che si devono ancora chiudere e fitta è l’agenda di impegni che attendono i vertici di Cai in questo ‘ultimo miglio’, dal nodo relativo al ruolo che rivestirà Malpensa alla vertenza sindacale, fino agli adempimenti istituzionali per il rilascio della licenza di operatore aereo.

    MpL Comunicazione @ 17:39
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *