• Calendario/Archivio

  • aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  
    Agenda Confindustria

    Posted on mercoledì 7 gennaio 2009

    Per Calogero Marrollo, presidente di Confindustria Abruzzo, il 2008 è da dimenticare. «Stiamo attraversando -dice- una situazione economica senza precedenti e non abbiamo molte certezze per il futuro».  «La nostra è l’unica regione che dal 2001 al 2007 è regredita in termini di ricchezza prodotta, e va sottolineato che senza l’ingresso nell’Unione europea dei Paesi dell’Est, oggi l’Abruzzo, con i suoi parametri, sarebbe tornata ad essere un’area depressa».

    Grande accusata è la politica. Marrollo attacca: «La politica è avvertita come il maggiore ostacolo allo sviluppo». Chiodi, neo-presidente della Regione, prenda nota, pur se all’atto del suo insediamento ha mostrato di condividere gran parte delle preoccupazioni di Marrollo, che punta anche lui il dito sulla sanità. «Il deficit sanitario è la palla al piede dell’Abruzzo. Un pozzo senza fondo che blocca ogni altro progetto d’investimento. Un costo che imprese e cittadini stanno già pagando con l’aumento delle imposte regionali, per cui va scongiurata ogni ulteriore crescita della pressione fiscale. Conosco Chiodi, è persona di grande competenza, mi aspetto da lui interventi seri, concreti, diretti ai problemi». Problemi che vengono da Del Turco: tre anni di inerzia totale. Mancata semplificazione amministrativa,  mancata riforma degli enti strumentali, dei consorzi e dei distretti industriali «che vanno ridefiniti -spiega Marrollo- secondo logiche di settore e fattori competitivi che facciano riferimento a nuove tecnologie, servivi e competenze».

    Le richieste degli imprenditori abruzzesi sono sempre le stesse: «Entro i primi cento giorni va istituita un’unica Agenzia di Sviluppo regionale economica che potrebbe riassorbire sia la Fira che gli stessi Consorzi industriali. In tal modo la finanziaria regionale non dovrà più svolgere attività di pura e semplice valutazione delle pratiche di finanziamento, ma un effettivo ruolo di “venture capital”, affiancandosi nel rischio di nuovi progetti imprenditoriali». Nei sei mesi successivi, Confindustria Abruzzo chiede l’approvazione di una legge regionale di settore per l’industria, e la ricognizione delle necessità infrastrutturali e logistiche per la competitività delle imprese. Sollecita inoltre la realizzazione di un osservatorio regionale sul credito, un organismo tecnico per valutare la programmazione regionale, il ripristino di fondi distolti dal settore turistico, la riforma dell’Aptr, la riduzione della pressione fiscale, la semplificazione amministrativa, la diminuzione dei costi della politica, l’abolizione degli enti inutili. Un libro dei sogni? Vedremo.

    MpL Comunicazione @ 16:33
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com