• Calendario/Archivio

  • ottobre: 2019
    L M M G V S D
    « Set    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
    Abruzzo: sbloccare le opere per la crescita

    Posted on giovedì 27 giugno 2019

    Immagine correlata

    Marco Marsilio, Presidente della Regione Abruzzo

     

    Il rapporto di Bankitalia sull’economia abruzzese è autorevole conferma di quanto economisti accorti osservano ormai da mesi. L’Abruzzo è in mezzo al guado e la scelta è tra sviluppo o declino. La fotografia è quella di un territorio con importanti punti di forza ma in affanno, dotato di enormi potenzialità (che però tali restano) e nettamente arretrato come infrastrutture, servizi alle imprese, efficienza della pubblica amministrazione e capacità di fare sistema. L’attività produttiva si è ulteriormente indebolita: il fatturato delle imprese industriali è in difficoltà, l’export dà segnali di cedimento, l’innovazione viene fatta solo dalle grandi imprese, le Università sono ancora troppo slegate dal tessuto produttivo. Il settore delle costruzioni ha certamente beneficiato della ricostruzione e della ripresa delle compravendite immobiliari ma troppi settori cedono, come commercio e trasporti, mentre il settore turistico dà segnali di risveglio ma i fatturati restano molto deludenti rispetto ad altre regioni italiane seppure meno dotate.

    Il rapporto Bankitalia è anche occasione per una ulteriore riflessione.

    L’Abruzzo degli ultimi anni non brilla e lo dicono i principali indicatori economici. Occorre che la politica assuma come priorità assoluta lo sviluppo del prodotto regionale, precondizione per generare occupazione stabile e di qualità.

    Esplicita l’esigenza di rigenerare la fiducia nelle potenzialità dell’Abruzzo, stimolare gli operatori economici ad investire, attrarre imprese e creare nuove attività, con l’obiettivo perseguito e dichiarato della crescita. Che poi vuol dire tanti nuovi posti di lavoro, nel quadro attuale di forte disoccupazione soprattutto giovanile. Ma gli investimenti arrivano solo se la Regione è amica dell’impresa, se la burocrazia funziona, se c’è predisposizione ad accoglierli, se il sistema-Abruzzo offre garanzie di sicurezza e stabilità. 

    Occorre essere concreti ma nel quadro di una solida vision: è la politica che deve tracciare la rotta, combinare le isole, valorizzare le reti, promuovere idee ed utopie. La regione dispone di punti di eccellenza e di forza, ma fallisce come sistema; fare sistema vuol dire riunire i tasselli sparsi delle eccellenze abruzzesi ed infondere loro, dalla Università alla ricerca, dall’industria al turismo, dalla pubblica amministrazione al commercio, quell’impulso creativo che motivi i giovani a restare e solo può trasformare tante isole in un corpo unico, in cui pulsano le migliori energie locali.

    Cosa fare?

    Partiamo da una constatazione: ogni miliardo di euro investito in opere pubbliche materiali ed immateriali (infrastrutture di mobilità, reti a banda larga, capitale umano, ecc.) genera, grazie ai moltiplicatori, un incremento del Prodotto Interno Lordo di 3miliardi di euro ed una crescita dell’occupazione media di circa 80.000 unità per tutta la durata dell’investimento.

    La velocizzazione delle opere pubbliche già finanziate dovrebbe essere pertanto in questo momento la massima priorità politica ed il beneficio per l’economia e l’occupazione sarebbe rilevantissimo. Anche in Abruzzo, ahimé, molte opere sono bloccate o procedono con tempi inaccettabili per la confusione normativa, i devastanti contenziosi, la lentezza della burocrazia e molti altri problemi: la ricostruzione post sisma procede a rilento, le infrastrutture sono carenti, le manutenzioni quasi assenti, troppe le opere incompiute e moltissimi cantieri non partono nonostante le risorse siano appostate ed i progetti esecutivi pronti da tempo.

    Le infrastrutture materiali ed immateriali sono essenziali per la crescita e tutti gli studi economici ne sottolineano il ruolo trainante. Occorre uno stimolo keynesiano immediato, uno shock di spesa pubblica in investimenti che può essere l’unico mezzo per evitare all’Abruzzo di rotolare verso una pericolosa recessione. E se il Presidente Marsilio riuscisse in tre anni nel miracolo di  sbloccare ed investire le risorse già disponibili, ebbene, questo sarebbe uno stimolo vero per vincere la sfida dello sviluppo. Ed arriverebbero pure gli investimenti dei privati che potrebbero contare su un Abruzzo più attrattivo e moderno, collegato e interconnesso, votato esplicitamente alla crescita. Insomma un Abruzzo territorio fertile per l’impresa.

    Piero Carducci, economista

    (pubblicato su Il Capoluogo, 27.6.2019)

    MpL Comunicazione @ 20:07
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *