• Calendario/Archivio

  • ottobre: 2019
    L M M G V S D
    « Set    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
    Chiodi&33%

    Posted on sabato 18 aprile 2009

    Continuano le proteste sulla ipotesi fatta ieri da Berlusconi. La ricostruzione dell’Aquila appare sempre più aleatoria. Ogni giorno vengono cambiate le carte in tavola. Sulla base dell’ultima esternazione la new town sarebbe riservata alle giovani coppie, mentre tutti gli altri (ovvero il 90%) dovrebbero pagare di tasca propria  un terzo delle spese, un terzo lo metterebbe lo Stato, ed un terzo sarebbe concesso con un mutuo ventennale al 4% (quindi da restituire).

    Una prospettiva intollerabile: una famiglia con due stipendi da impiegati pubblici e due figli non può farcela a ricostruire la casa. Supponiamo che questa famiglia paghi già il mutuo sulla abitazione che è andata distrutta o ha subito gravi danni. Supponiamo che il danno sia pari a 100.000 euro. Questa famiglia riceverebbe dallo Stato solo 33mila euro, e si troverebbe a pagare due mutui. Inoltre dovrebbe anticipare altri 33mila euro che non sarebbero mai restituiti dallo Stato. Impossibile. Ed una famiglia con un solo stipendio come fa?  Questa volta gli aquilani andranno a Roma con i forconi. Non ci prendete in giro.

    Sulla questione stato inutilmente sollecitato il presidente Chiodi, ma luinon parla. Ormai l’ombra di Berlusconi, semplicemente non esiste. Gli aquilani si attendevano una ferma presa di posizione di Chiodi sull’ipotesi 33%, un netto rifiuto da parte del presidente di tutti gli abruzzezi. Presidente di tutti? Non degli aquilani. Cos pare.

    MpL Comunicazione @ 12:29
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *