• Calendario/Archivio

  • maggio: 2019
    L M M G V S D
    « Apr    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  
    Abruzzo: si vota il 10 febbraio

    Posted on martedì 18 dicembre 2018

    Elezioni regionali Abruzzo: candidati e sondaggi. Intrigo sulla data

    Elezioni regionali: in Abruzzo si vota il 10 febbraio. Smentite le voci di un rinvio

     

    E’ durata poche ore l’incertezza sulla data delle elezioni regionali. Come richiesto dal Governo, è stato immediatamente  ritirato l’emendamento d’iniziativa di alcuni  parlamentari pentastellati  alla Legge di Bilancio, finalizzato ad accorpare le elezioni regionali ed europee del 26 maggio.  La data delle consultazioni regionali in Abruzzo resta quindi fissata al 10 febbraio 2019. Entro il 10 gennaio vanno presentate liste e candidati alla presidenza.

    Il presidente vicario Giovanni Lolli aveva del resto ben sottolineato che un eventuale rinvio decretato dal governo non avrebbe comportato alcun automatismo, perché a rimanere sovrana sull’indizione delle elezioni sarebbe stata sempre la Regione. Le elezioni sono state fissate sulla base di una procedura complessa che ha coinvolto la Corte d’Appello, e tornare indietro appare francamente fantapolitica.

    Oltretutto l’Abruzzo, a differenza delle altre regioni, è già in una fase avanzata nell’iter di convocazione delle elezioni, avendo già deliberato le spese per l’acquisto di tutto il materiale necessario.

    Da quanto si apprende dagli uffici del Consiglio regionale, inoltre,  si è dato avvio a vari adempimenti, come la redazione del manuale destinato ai seggi e la sottoscrizione di un contratto con una piattaforma online anti hackeraggio.

    Non v’è quindi alcuna possibilità da parte dell’esecutivo nazionale di deliberare un rinvio, che rappresenterebbe una violazione dell’autonomia regionale in materia. Il 10 gennaio 2019 vanno presentate le liste, e parte la brevissima campagna elettorale.

    Eppure, a pochissimi giorni da questo fondamentale appuntamento,  si continua a giocare con la data del voto, creando incertezze. Cui prodest?

    MpL Comunicazione @ 20:35
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *