• Calendario/Archivio

  • ottobre: 2011
    L M M G V S D
    « Set   Nov »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Rating colpisce Italia

    Posted on martedì 4 ottobre 2011

    Bocciatura attesa dell’Italia da parte di Moody’s. L’agenzia di rating americana ha declassato il nostro debito sovrano al livello A2 dall’attuale Aa2. L’outlook, cioè le prospettive, sono negative. L’agenzia parla di «Sostenuto aumento della suscettibilità del Paese di fronte agli shock finanziari», e questo spiega il downgrade del rating dell’Italia scrive l’agenzia di rating in una nota.  Ciò è dovuto «in parte ai rischi derivanti dalle incertezze economiche e politiche» che mettono a rischio il raggiungimento da parte del governo degli obiettivi di risanamento del bilancio e «in parte all’aumento dei rischi al ribasso per la crescita economica e all’indebolimento delle prospettive globali», nonchè al generale calo della fiducia nelle emissioni di debito dei paesi dell’eurozona. E poi conclude: «Il rischio di default dell’Italia è remoto». Ma «la vulnerabilità di questo Paese è aumentata». Bontà loro.

    MpL Comunicazione @ 23:27
    Filed under: News MpL

    Zona Franca, ancora un rinvio

    Posted on martedì 4 ottobre 2011

    Dopo la letteraccia della Commissione Europea (vedi precedenti post) si è tenuta oggi a  Bruxelles una riunione – che si sarebbe potuta tenere due anni orsono – per cercare di rimediare al pasticcio.  L’esito è ancora un rinvio, ed è stato fissato un nuovo vertice-ter nelle prossime settimane per un ulteriore approfondimento – che si sarebbe potuto fare due anni orsono. Dalle poche notizie filtrate, i tecnici Ue hanno acquisito (finalmente) dati esaurienti sulla drammatica situazione economica aquilana, tali da giustificare la richiesta di Zona Franca. L’uomo della strada si chiede perché, a trenta mesi dal terremoto, l’istruttoria sulla ZFU si sia rivelata superficiale e difettosa e perché si stiano ancora producendo carte a sostegno della “drammatica” situazione economico-sociale all’Aquila. Una cosa che sembra ovvia, all’uomo della strada, ma che evidentemente ovvia non è per la “megamacchina” commissariale addetta alla ricostruzione e per l’Europa.  Ed infatti nel 1703 la Zona Franca fu subito concessa all’Aquila, per ben dieci anni. Ma allora i commissari funzionavano, la Commissione europea non c’era e la burocrazia era molto più semplice…

     

    MpL Comunicazione @ 16:46
    Filed under: News MpL

    Gabrielli: logica del capro espiatorio

    Posted on martedì 4 ottobre 2011

    Quando si verificano tragici eventi collettivi, la pubblica opinione, la piazza, la pancia della gente, la parte peggiore di tutti,  vuole e pretende un capro espiatorio. La storia è  ricca di tali episodi, che rappresentano la notte del buon senso e della ragione. Nella Colonna Infame, Alessandro Manzoni narra del processo a Milano, durante la terribile peste del 1630, contro due presunti untori (“dagli all’untore”), ritenuti dal popolino responsabili del contagio pestilenziale tramite la diffusione di misteriose sostanze. Il processo, svoltosi realmente nel 1630, decretò  sia la condanna capitale di due innocenti, Guglielmo Piazza (commissario di sanità) e Gian Giacomo Mora (barbiere), e la distruzione della casa-bottega di quest’ultimo. Come monito agli “untori” venne eretta sulle macerie dell’abitazione del Mora la “colonna infame”, che dà  il nome alla vicenda. Solo nel 1778, a seguito della pubblicazione delle “Osservazioni sulla tortura” di Pietro Verri, la Colonna Infame, ormai divenuta una testimonianza d’infamia non più  a carico dei condannati, ma del sistema perverso che aveva commesso un’enorme ingiustizia, fu abbattuta. Con questa tragica vicenda, Manzoni vuole affrontare un tema attualissimo – anche dopo il tragico terremoto dell’Aquila – ovvero il rapporto tra le responsabilità  oggettiva del singolo e gli umori popolari, tra la ragione e l’irrazionalità, tra gli scienziati e gli stregoni. La ricerca del “capro espiatorio” soddisfa l’emotività, ma acceca il buon senso e la razionalità  che dovrebbe guidare la giustizia e l’opinione collettiva, porta come conseguenza a tragici errori ed abusi di potere. La paura acceca la ragione, la notte della ragione genera mostri, la giustizia ricercata a tutti i costi diventa barbarie. Il fine giustifica i mezzi, scrive il Machiavelli, ma non quei mezzi che snaturano il fine.

    Su questi argomenti registriamo un lucido intervento di Franco Gabrielli. “C’e’ una crescita evidente della domanda sociale di capri espiatori: quando la complessita’ e’ eccessiva, quando le responsabilita’ sono difficili da enucleare, avanza una richiesta forte di semplificazione, di sentenze anche sommarie, anche approssimative, anche in deroga alle sottigliezze della scienza giuridica”.  Lo ha affermato Franco Gabrielli, ex prefetto dell’Aquila e capo del dipartimento della Protezione Civile, aprendo i lavori dell’incontro di studio su “Protezione Civile e responsabilita’ nella societa’ del rischio. Chi valuta, chi decide, chi giudica”. (more…)

    MpL Comunicazione @ 11:51
    Filed under: News MpL

    Giustizia all’italiana

    Posted on martedì 4 ottobre 2011

    C’è qualcosa che non va nella giustizia italiana. E non parliamo di quello di macroscopico che non va: i tempi impossibili delle cause civili,  le procure colabrodo, la spregiudicatezza nell’applicare l’obbligatorietà dell’azione penale, la galera per chi ruba una mela e la quasi impunità di fatto per i finanzieri in colletto bianco venditori di carta straccia, ecc.  Ci riferiamo a processi come quelli di Perugia. Come è possibile, si chiede l’uomo della strada, che una sentenza d’Appello ribalti completamente la sentenza di primo grado?    I giudici di appello hanno stabilito che Amanda Knox e Raffaele Sollecito non sono gli assassini della povera Meredith Kercher. E dunque secondo i giudici i veri assassini sono ancora a spasso, dopo quasi 5 anni dal deklitto, ed ora vanno cercati, ricercati e perseguiti. (more…)

    MpL Comunicazione @ 11:39
    Filed under: News MpL

    Provincia sicura

    Posted on martedì 4 ottobre 2011

    Alle 10,30 di questa mattina presso la sede della presidenza della Provincia dell’Aquila in via Monte Cagno, si terrà la conferenza stampa di presentazione della seconda edizione del progetto “Provincia Sicura al 100% verso il 2012”. “L’iniziativa – spiega l’ufficio stampa – di cui è capofila la Provincia dell’Aquila, è realizzata con il contributo del ministero della Gioventù nell’ambito del programma “Azione Province Giovani”, in accordo con l’Unione delle province italiane (Upi), per promuovere interventi integrati in materia di politiche giovanili e valorizzare strategie e politiche coordinate a favore dei giovani, in grado di coinvolgere i diversi livelli istituzionali, l’associazionismo giovanile e tutti gli attori che a vario titolo si occupano di giovani. “Provincia Sicura” vede la collaborazione istituzionale ed economica dei Comuni dell’Aquila, di Avezzano, di Sulmona, di Castel Di Sangro, dell’Automobil Club L’Aquila (Aci) e della Croce Rossa Italiana provinciale dell’Aquila, che interverranno durante la conferenza stampa. Alla conferenza prenderanno parte il Presidente della Provincia, Antonio Del Corvo e l’Assessore alla Viabilità Guido Quintino Liris”. Sono stati invitati a partecipare anche i sei partner del progetto “Provincia Sicura al 100% verso il 2012”.

    MpL Comunicazione @ 08:53
    Filed under: News MpL

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com