• Calendario/Archivio

  • agosto: 2011
    L M M G V S D
    « Lug   Set »
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

    Cimiteri, disastro

    Posted on lunedì 1 agosto 2011

    La civilt di un Paese si comprende dallo stato dei cimiteri e dal rispetto dimostrato nei confronti dei defunti. Non cos al Comune dell’Aquila. Anzi, il Comune non ha neppure il senso del ridicolo: i cittadini protestano ogni giorno sulle incredibili, inaccettabili, pietose condizioni in cui si trovano i cimiteri. Ma al Comune si decide di aumentare le tariffe, e non di poco: Mentre Cialente & C. continuano a rivestire i ruoli di capi-popolo quando si tratta di attaccare Regione e Governo su tasse e su tutto lo scibile, gli stessi con unoperazione di mezzestate stangano i cittadini aquilani con un aumento dei costi dei servizi cimiteriali. Lo affermano Alfonso Magliocco, dirigente provinciale del PDL e Roberto Santangelo, vice coordinatore comunale del PDL. Tali aumenti, del 34,58% (energia elettrica) e del 27,09% (tutte le altre tariffe) spiegano i due esponenti vengono motivati dallAFM con la scusa che fino ad oggi le tariffe dellAquila erano tra le piu basse dItalia. Evidentemente questo, per gli attuali amministratori e qualcosa di cui vergognarsi e a cui porre velocemente rimedio. Non si vergognano, invece, delle condizioni in cui versano i cimiteri dellAquila e delle frazioni , in parte dovute al sisma ma soprattutto allincuria di una gestione disastrosa che da oggi costera di piu senza la certezza di un effettivo miglioramento. Cimiteri disastrati = maggiorazione delle tariffe! E questa la cura dellamministrazione Cialente che continua imperterrita a compiere atti oscuri e non risolutivi dei mille problemi della citta? Siamo ancora in attesa di conoscere, se esiste, il piano di riordino delle societa municipalizzate e se questo riuscira, davvero, a risollevare queste aziende dalle difficile situazione in cui versano come dimostrato dalla puntuale relazione redatta dalla Ragioneria Generale dello Stato che fotografa una realta scandalosa di cui qualcuno, prima o poi, dovra rendere conto. Certe cose concludono gli esponenti del Pdl accadono sempre in estate.

    MpL Comunicazione @ 13:36
    Filed under: News MpL

    Immigrati, guerriglia a Bari

    Posted on lunedì 1 agosto 2011

    Centinaia di immigrati ospiti del Cara di Bari hanno bloccato strade e binari nei pressi del Centro di accoglienza per protesta contro le lungaggini burocratiche che ritarderebbero il rilascio dello status di rifugiati. Manifestanti armati di spranghe e bottiglie hanno attaccato i poliziotti. Sono state danneggiate auto della polizia; ci sono molti feriti anche tra i passanti. I migranti hanno bloccato la Statale 16 bis in entrambe le direzioni di marcia e stanno causando disagi alla circolazione dei treni lungo i binari adiacenti al Centro di accoglienza. Sul posto stanno confluendo centinaia di poliziotti antisommossa. La circolazione in tilt, la citt paralizzata. Vogliamo i documenti: cos Mohamed, uno degli immigrati che partecipa alla protesta, ha risposto alla domanda di un cronista che gli chiedeva i motivi della manifestazione degenerata in scontri. Mohamed ha aggiunto di essere ospite del Cara di Bari da sette mesi e di non sapere ancora nulla della sua richiesta di asilo. Se abbiamo i documenti lasciamo la barricata ha aggiunto un altro manifestante. Le forze dell’ordine hanno costretto i manifestanti ad indietreggiare e stanno cercando di riportarli nelle vicinanze del Centro di accoglienza richiedenti asilo.

    MpL Comunicazione @ 12:29
    Filed under: News MpL

    USA salvi

    Posted on lunedì 1 agosto 2011

    Obama ha raggiunto l’accordo con i repubblicani. Per ora gli USA non falliranno. L’economia mondiale tira un momentaneo sospiro di sollievo. I leader di Camera e Senato hanno raggiunto in extremis l’accordo sul debito Usa. Obama ha fatto nella notte l’annuncio pi importante della sua presidenza, a poche ore dalla fatidica scadenza del 2 agosto. L’accordo prevede un aumento del tetto del debito in tre fasi, per un totale di 2.400 miliardi di dollari (400 miliardi subito, 500 miliardi nel corso dell’anno e altri 1.500 fino alla fine del 2012; gli ultimi due voti sono soggetti a un voto di sfiducia del Congresso, che non invaliderebbe l’aumento ma imporrebbe una nuova approvazione da parte di Obama). prevista una riduzione del deficit nel corso di dieci anni in due fasi (900 miliardi la prima, 1.500 miliardi la seconda), con la creazione di una speciale commissione congressuale bipartisan incaricata di delineare i tagli da fare nella seconda fase. I tagli, ha detto Obama, porteranno la spesa nazionale ai minimi dai tempi in cui Dwight Eisenhower fu presidente, negli anni ’50.

    MpL Comunicazione @ 09:32
    Filed under: News MpL

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com