• Calendario/Archivio

  • giugno: 2011
    L M M G V S D
    « Mag   Lug »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Ricostruzione pesante, insopportabile lentezza

    Posted on martedì 28 giugno 2011

    Pubblicato su Abruzzo Impresa – il mensile del manager

    Ventisei mesi dopo. La ricostruzione leggera finita, quella pesante non iniziata. Aumenta vertiginosamente la Cassa Integrazione per gli operatori delledilizia, un paradosso difficile da spiegare nella citt “cantiere dEuropa”. La governance multilivello non funziona: ordinanze confuse confliggono con leggi ordinarie e direttive quantomeno barocche. Ne deriva un rumore di fondo, un ginepraio di norme contraddittorie che dovrebbero stabilire le competenze dei troppi consorzi e consulenti e burocrati che si occupano della questione. Si aggiunga il fatto che, tra un anno, all’Aquila si vota per il nuovo Sindaco, e Cialente ormai da tempo in campagna elettorale. Sindaco e Consiglio comunale pocedono in maniera divergente ed inconcludente, spesso in conflitto con le strutture commissariali, coltivando un tornaconto elettorale piuttosto che la stella polare dei valori collettivi. (more…)

    MpL Comunicazione @ 22:02
    Filed under: News MpL

    Macerie, storia infinita

    Posted on martedì 28 giugno 2011

    Estendere la sinergia pubblico-privato, sulla movimentazione di rifiuti da cantiere e macerie, anche dopo la fase di interregno regolamentata dall’ultima OPCM. Questa la richiesta congiunta di ANCE, Confindustria e CNA al Commissario per la Ricostruzione Gianni Chiodi ed al Governo.
    I fatti: l’ultima ordinanza governativa di giugno andata a sanare il blocco dei lavori della ricostruzione nel cratere, determinato dalla presenza di inerti e macerie nei cantieri e, cos come richiesto dalle associazioni di categoria, ha consentito che anche i soggetti privati concorressero al trasporto e smaltimento dei materiali. (more…)

    MpL Comunicazione @ 11:58
    Filed under: News MpL

    CRESA, sisma

    Posted on martedì 28 giugno 2011

    Il CRESA, Centro regionale di studi e ricerche economico sociali istituito dalla Camere di Commercio dAbruzzo, annuncia la presentazione dello studio: LAbruzzo e il cratere sismico: economie a confronto prima e dopo il terremoto. 29 giugno 2011 ore 16,00 18,00 Sala convegni Ordine degli igegneri della provincia LAquila Via Saragat 32 Campo di Pile. Introduce il Presidente del Cresa Lorenzo Santilli. Ne discutono Antonio Calafati, Universit Politecnica delle Marche, Piergiorgio Landini, Universit Chieti Pescara, Sergio Sacchi, Universit Perugia.
    Dal terremoto del 6 aprile 2009 dice una nota sono trascorsi due anni, un lasso di tempo che ha fatto emergere nuove dinamiche delleconomia abruzzese ed ha confermato le preoccupazioni su tutti i vincoli che frenano luscita della regione da una transizione che sembra non avere fine. La ripresa delleconomia mondiale del 2010 sembra aver soltanto lambito il sistema produttivo abruzzese lasciando il campo a dubbi e interrogativi su possibili discontinuit e scenari alternativi a quello tendenziale. Gli anni della crisi hanno fatto emergere, tra le altre, alcune grandi questioni:
    quale solidit del modello di sviluppo abruzzese?
    nellera della deindustrializzazione verso quale terziario?
    quali nuovi temi pone la questione urbana?
    dove va il lavoro?
    Il CRESA ha inteso offrire alle istituzioni ed alla societ abruzzesi un primo contributo di conoscenza su tali vicende di cui il sisma del 2009 rappresenta un inevitabile spartiacque. Lo studio giunge in un momento in cui leconomia regionale a un bivio. Stretta tra lurgenza di contrastare gli effetti negativi di quellevento e la necessit di far fronte ai vincoli strutturali che da oltre un quindicennio lhanno relegata in una condizione di stallo.

    NdR- Una buona iniziativa, ma nessun economista aquilano tra i relatori. Complimenti davvero.

    MpL Comunicazione @ 11:53
    Filed under: News MpL

    Tasse locali aumentano

    Posted on martedì 28 giugno 2011

    Lo Stato taglia i trasferimenti e gli enti locali aumentano le tasse. La pressione fiscale alla fine, invece di ridursi, aumenta. E’ sempre la stessa stroia. Le Province stanno deliberando l’aumento dell’addizionale sulle assicurazioni Rc Auto, in media di circa 3 punti percentuali. Con un rincaro calcolabile tra i 13 e i 15 euro l’anno per le vetture di media cilindrata. Era l”unico strumento che avevamo a disposizione per compensare il taglio dei trasferimenti deciso dal governo con la manovra dello scorso anno, si giustifica il presidente della Provincia di Milano, Roberto Vasai. Lo stesso sta accadendo con i Comuni: pi di 3.500 sindaci in tutta Italia hanno la possibilit, entro la fine del mese di giugno, di deliberare un aumento dell’addizionale sull’imposta dei redditi dello 0,2% gi per quest’anno. Ed in molti lo faranno. A poco valgono gli appelli del governo a far quadrare i conti riducendo gli sprechi e razionalizzando, piuttosto che con l’aumento delle tasse. Del resto i primi a non risparmiare sono proprio i ministeri, operazioni di facciata a parte. vero che con il federalismo gli amministratori locali saranno responsabili delle scelte davanti ai loro elettori, ma i tagli dolorosi di Tremonti vanno in qualche modo compensati. Ad appesantire la situazione, per i cittadini, ci sono anche i rincari delle addizionali nelle Regioni. Le nuove regole impongono che i disavanzi sanitari siano coperti con le tasse locali, e non pi dal governo centrale. Cos, a partire dal 2012, saliranno ai livelli massimi anche le addizionali Irpef e Irap in Campania, Calabria e Molise. La sovrattassa sui redditi salir di 0,15 punti, quella sull’imposta che riguarda le attivit produttive di 0,3 punti. Davvero bello questo federalismo….

    MpL Comunicazione @ 11:07
    Filed under: News MpL

    Tordera

    Posted on martedì 28 giugno 2011

    Per il direttore generale della Carispaq, Rinaldo Tordera, e per il capo ufficio Ispettivo sarebbe in arrivo un’azione disciplinare, che arriva dopo il coinvolgimento della filiale romana dellistituto bancario nella maxi truffa da 170 milioni di euro operata dalla cosiddetta banda dei Parioli. A rivelarlo oggi il quotidiano Il Messaggero secondo il quale la decisione stata presa ieri al termine della riunione del consiglio damministrazione e dellassemblea della Cassa di risparmio, durante la quale quale sono stati analizzati tutti passaggi della vicenda. L’inchiesta quella avviata dalla Procura romana sono finiti in carcere Gianfranco Lande, il cosiddetto ”Madoff” dei Parioli, la compagna Raffaella Raspi, il fratello Andrea, nonch Gian Piero Castellacci De Villanova e Roberto Torregiani, tutti consulenti finanziari. La misura cautelare stata recentemente decisa dal gip Simonetta D’Alessandro che ha respinto le istanze di revoca delle misure restrittive in carcere. I cinque sono detenuti dal 24 marzo scorso. Tordera dovrebbe presentare le controdeduzioni al cda, il quale poi, come riferisce ancora Il Messaggero potr dichiararsi soddisfatto oppure no”. Tutto da vedere, ed anche da capire.

    MpL Comunicazione @ 09:58
    Filed under: News MpL

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com