• Calendario/Archivio

  • aprile: 2011
    L M M G V S D
    « Mar   Mag »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

    Giuliante ri-assessore

    Posted on lunedì 18 aprile 2011

    Pace è fatta. Forse pace armata, ma sempre pace è.  Si è chiuso, e non poteva non chiudersi, il caso Giuliante dopo l’incontro di  Teramo tra il presidente della Giunta regionale, Gianni Chiodi, e l’assessore "sfiduciato".  La pace è stata sancita al termine di un faccia a faccia serrato ma cordiale nel corso del quale Giuliante ha chiarito che non voleva criticare il presidente.  L’affermazione sotto accusa, peraltro smentita da Giuliante, era: "Ciò che fa dispiacere all’Aquila fa piacere a Teramo e, quindi, a Chiodi", pronunciata da Giuliante in merito alle convenzioni tra università dell’Aquila e Asl di Teramo.  A Giuliante sono quindi riassegnate le deleghe. Giuliante ha assicurato che la frase «incriminata», alla base della tensione, è stata riportata in maniera decontestualizzata, estrapolata da un discorso che non mirava certo a quella conclusione. Giuliante ha confermato la fiducia nell’operato del presidente, riconoscendo la validità dell’intervento amministrativo per il risanamento economico e finanziario dell’Abruzzo; l’assessore avrebbe pure dato atto a Chiodi dell’impegno e dei risultati conseguiti per L’Aquila e per gli aquilani, in veste di commissario delegato per la Ricostruzione.  Pace fatta, per ora.

    MpL Comunicazione @ 21:23
    Filed under: News MpL

    Ricostruzione. L’amara verit.

    Posted on lunedì 18 aprile 2011

    La governance multilivello non sta funzionando. Fatte le riparazioni, la ricostruzione vera non decolla. Ordinanze barocche e confuse confliggono con leggi ordinarie che stabiliscono le competenze dei (troppi) soggetti che devono occuparsi della questione. In molti al Comune giocano a fare l’ostruzionismo, solo per ciniche finalità politiche personali, né il Consiglio comunale ha dimostrato di essere in grado di gestire le enormi complessità del periodo post-sisma. Tra commissari e Sindaco i conflitti paralizzanti sono all’ordine del giorno, mentre una burocrazia ottusa ed arrogante fa il resto, fa disperare la gente e perdere soltanto tempo.  (more…)

    MpL Comunicazione @ 15:22
    Filed under: News MpL

    Sindaco batti un colpo

    Posted on lunedì 18 aprile 2011

    Proteste a non finire. E-mail e telefonate avvelenate. L’ira degli aquilani contro il Comune ha raggiunto limiti allarmanti. Non solo per le file estenuanti necessarie per fare ogni cosa. Non solo per le continue contraddizioni e la mancanza di chiarezza. Non solo per l’apnea del Sindaco che-non-c’è, salvo produrre sceneggiate teatrali di poca qualità. Non solo perché chi abita nel progetto CASE non paga né affitto né condominio, mentre chi ha scelto l’autonoma sistemazione se l’è presa e se la prende in quel posto. 
    Oggi l’ira degli aquilani riguarda il CAS (contributo di autonoma sistemazione). Cosa è successo?   Molti cittadini  – dicono loro, perché il Comune non parla – si sarebbero visto cancellato o ridotto il CAS, senza spiegazione alcuna da parte del Comune.  L’ordinanza n. 3857 (marzo 2010)  destinava un incremento di 200€ per i nuclei familiari monocomponente o di due componenti, già assegnatari di contributo di autonoma sistemazione, laddove non assegnatari di alloggio del Progetto CASE o MAP, o altri benefici.  L’incremento andava calcolato dal  10 marzo 2010, come recita la  nota del 26.03.2010 del sindaco Massimo Cialente, al tempo Vice Commissario per la Ricostruzione.  Di colpo le carte sono state cambiate. Gli incrementi ora vengono calcolati dalla  data di presentazione della domanda, e non dal 10 marzo come previsto.  Di qui conguagli, sospensione del contributo, caos, giuste ed avvelenate proteste.  Questa parrebbe la ricostruzione dei fatti, perché come stanno davvero le cose Dio-solo-lo-sa. Il Comune non parla.  Il tutto si sta consumando senza trasparenza alcuna, senza pezze di legittimità  (sulla base di quale ordinanza il Comune sta rettificando il CAS?) e senza informare gli ignari cittadini.
    Si conferma la linea punitiva nei confronti di chi ha scelto il CAS, linea punitiva avviata dall’immonda ordinanza n.3870, rsipetto a chi invece abbia scelto altre soluzioni come il progetto CASE o i MAP o gli affitti a carico dello Stato.  Inutilmente si attende un chiarimento, da giorni.  Sindaco, se ci sei, batti un colpo. Il fatto è che non ci sei, e da troppo tempo ormai…
    MpL Comunicazione @ 12:50
    Filed under: News MpL

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com