• Calendario/Archivio

  • marzo: 2011
    L M M G V S D
    « Feb   Apr »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

    AE, ora lavoro!

    Posted on lunedì 28 marzo 2011

    Abruzzo Engineering. La sentenza del Tar dell’Aquila ha finalmente definito la natura dell’Ente: è in house. E Francesco Carli, presidente della società, parla: "La sentenza del Tar ha stabilito che è lecito l’affidamento diretto dei lavori, alla società di natura ‘in house’. Noi" sostiene ancora Carli "abbiamo sempre avuto la massima certezza del fatto che la società fosse in house, nonostante i tanti pareri opposti. Ora ci siano gli affidamenti, basta con le scuse."  Secondo Carli "non ci sarebbero state perdite importanti se si fosse presto riconosciute le caratteristiche della società."  La mancanza di affidamenti ha portato allo stato attuale, ovvero alla liquidazione.  L’obiettivo ora è  "salvaguardare il massimo livello occupazionle, e la sentenza del Tar agevola questa esigenza. La liquidazione non è un atto vandalico" infatti  può significare un profondo rinnovamento strutturale.  Carli ricorda pure  una strana coincidenza "nel giorno in cui in consiglio regionale si dove discutere due delibere che affidavano ad Abruzzo Engineering lavori  per 500 mila euro ci furono gli arresti di rifiutopoli, e le delibere furono ritirate".  Di fatto ad oggi il riconoscimento della natura in house di Abruzzo Engineering consente a questa di ottenere affidamenti diretti, i quali potrebbero addirittura evitare la liquidazione voluta da Chiodi.  La liquidazione quindi sarà una ristrutturazione profonda per sanare i debiti, ma in questa fase si può lavorare "la liquidazione -spiega Carli- non è incompatibile con l’attività e gli affidamenti". Mah. Una società liquidata – sappiamo noi – è una società chiusa, dismessa. Logico sarebbe a questo punto revocare proprio il provvedimento di messa in liquidazione. O no?

    MpL Comunicazione @ 18:47
    Filed under: News MpL

    All’attacco di Frattale

    Posted on lunedì 28 marzo 2011

    Frattale, presidente Ance, ha osato. Ha osato dire che la ricostruzione pesante può iniziare e che i  – continui, petulanti, appiccicosi,  ndr –  rilievi sollevati dalla consorteria dei tecnici non sono tali da impedire la partenza dei cantieri. Apriti cielo. Gli ordini di ingegneri, geometri, architetti, agrimensori, misuratori  e chi più ne ha più ne metta, partono lancia in resta all’assalto del coraggioso Frattale.  Nell’ennesimo lunghissimo comunicato stampa della corporazione, pardon Ordine degli Ordini, il povero Frattale viene sballottato, insultato, spintonato.    «Ci stupisce la posizione espressa a mezzo stampa dal presidente dell’Ance Gianni Frattale, in ordine alla nota presentata al commissario delegato per la Ricostruzione Gianni Chiodi, in seguito alla lettera aperta, di quest’ultimo, nella quale si richiedeva agli Ordini e Collegi Professionali ed agli Imprenditori, di mettere in evidenza tutte le possibili criticità rilevate, al fine di dare chiarimento ed auspicabilmente sciogliere, in modo condiviso, i dubbi interpretativi che sembravano rallentare la presentazione dei progetti per la Ricostruzione pesante». E’ quanto si legge nel principio della lunga nota congiunta degli Ordini degli Ingegneri ed Architetti e Collegi dei Geometri e Periti Industriali della Provincia dell’Aquila (ma questi quando li fanno i progetti se stanno sempre a scrivere?). Blah, blah, blah… Qua si continua a mestare l’acqua nei mortai, e Frattale ha avuto solo il coraggio di dire la verità. Qui i grandi frenatori sono parecchi, e non solo il Comune. Bravo Frattale, non farti intimidire e rispondi a dovere, con i fatti, agli egoisti azzeccacarbugli nostrani.
    MpL Comunicazione @ 18:39
    Filed under: News MpL

    Sangritana per Ortona

    Posted on lunedì 28 marzo 2011

    Riuscire a realizzare un’interconnessione tra il porto di Ortona e la Sangritana attraverso lo sviluppo delle infrastrutture. Questo lo scopo del progetto della Sangritana messo a punto dall’ingegner Piernicola Iubatti, il geometra Claudio Tucci e il geologo Antonio di Paolo, per la realizzazione della variante ferroviaria che ridurrebbe la tratta ferroviaria di oltre un chilometro (dagli attuali 3.850 metri a 2.900) evitando, oltretutto, l’attraversamento della città di Ortona fino alla banchina nord del porto. Un investimento di 20 milioni di euro per arrivare direttamente alla banchina.  Delle problematiche e delle possibilità di realizzazione si è discusso sabato nel corso di in una tavola rotonda organizzata nella sala Eden di Ortona cui hanno partecipato il responsabile alle infrastrutture della Regione Luciano Di Biase, il Presidente della Sangritana Pasquale di Nardo, Angelo Capuzzimato, vice comandante della Capitaneria di porto di Ortona, il Presidente di Confindustria Chieti Paolo Primavera, il sindaco di Ortona Nicola Fratino e i senatori regionali Fabrizio Di Stefano (Pdl) e Alfonso Mascitelli (Idv). A moderare il dibattito Maurizio Piccinino, giornalista de "La domenica d’Abruzzo".
    MpL Comunicazione @ 12:02
    Filed under: News MpL

    Nocciolo fonde?

    Posted on lunedì 28 marzo 2011

    Sta accadendo l’irrecuperabile. Il nocciolo fonde, ma nessuno dice la verità per intero. Ma dai pochi e reticenti comunicati ufficiali si capisce che la situazione è ormai sfuggita di mano. La radioattività all’esterno del reattore n.2 di Fukushima ha registrato un balzo, superando quota 1.000 millisievert/ora.  Secondo esperti indipendenti sarebbe quindi già iniziata la fusione delle barre di combustibile nucleare. Si spiegano così gli alti livelli di radiazione rilevati domenica nell’acqua che allaga il seminterrato dell’edificio delle turbine del reattore. (more…)
    MpL Comunicazione @ 11:58
    Filed under: News MpL

    Giovani imprenditori, oggi

    Posted on lunedì 28 marzo 2011

    “L’Aquila come è, come sarà. Scenari presenti e futuri per una città in movimento” è il primo appuntamento di un ciclo di incontri, immaginato dai Giovani Imprenditori di Confindustria L’Aquila e finalizzato ad aprire nuovi momenti di confronto e dibattito costruttivo, utili per guardare oltre e progettare una Città che torni ad essere il cuore pulsante dell’Abruzzo. Una tavola rotonda quella di domani lunedì 28 marzo – ma nel comunicato stampa non c’è l’ora dell’evento –  presso la Cartiera del Vetojo che prevede la presenza di tutti gli attori istituzionali coinvolti nella ricostruzione dell’Aquila. Saranno, infatti, presenti Antonio Cicchetti, vice-commissario per la Ricostruzione, Giovanna Maria Iurato, prefetto dell’Aquila, Gianfranco Giuliante, assessore regionale alla Pianificazione del territorio e Protezione civile, Antonio Del Corvo, presidente Provincia dell’Aquila, Massimo Cialente, sindaco Città dell’Aquila, Don Luigi Maria Epicoco, vicario episcopale per i Beni culturali, Cultura e Università, Rinaldo Tordera, direttore generale Carispaq, Giusi Pitari, prorettore Università degli Studi dell’Aquila, con i saluti del presidente della Regione, Gianni Chiodi, e le conclusioni di Fabio Spinosa Pingue, presidente di Confindustria L’Aquila.  Noi giovani imprenditori siamo da mesi a lavoro affinché sulla nostra Città non si spengano mai i riflettori, perché, come tutti ci ripetiamo dal 6 aprile 2009, tenere acceso il dibattito sull’Aquila può sicuramente renderla ancora viva e dinamica. Il nostro impegno è stato lavorare su di noi, su giovani impegnati che lavorano e siano dunque da esempio perché ad emergere sia la forza d’animo, la volontà e l’orgoglio che in questi due anni abbiamo dimostrato di avere. Ogni giorno raccontiamo a quanti nel nostro lavoro incontriamo, all’intera Italia, che L’Aquila non è solo polvere e macerie e dimostriamo che allo smarrimento e all’allontanamento dalla nostra Città dei primi momenti è subentrato l’impegno, la buona volontà e la forza che noi giovani abbiamo dovuto tirare fuori per resistere e rimettere in moto da subito le nostre aziende. Questo è ciò che abbiamo raccontato all’Italia in questi mesi e che continueremo a raccontare.
    MpL Comunicazione @ 11:48
    Filed under: News MpL