• Calendario/Archivio

  • gennaio: 2011
    L M M G V S D
    « Dic   Feb »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Vergogna autostrade

    Posted on lunedì 3 gennaio 2011

    "Il 2011 è iniziato con un bel regalo da parte della società autostrade: un aumento vertiginoso delle tariffe di oltre l’8%". Lo si legge in una nota  dell’associazione CasaPound Italia L’Aquila. "La Strada dei Parchi – spiega Simone Laurenzi, responsabile di CasaPound L’Aquila – ha registrato uno degli aumenti più alti rispetto a tutti gli altri tratti autostradali, nonostante sia uno dei tratti peggiori in fatto di sicurezza e manutenzione. Infatti non mancano gli episodi di disservizio dovute alle mancanze dei gestori. Solo per citarne uno lo scorso 17 Dicembre molti automobilisti sono rimasti bloccati in autostrada per ore senza che nessuno gli abbia fornito un minimo di assistenza e di informazioni circa quello che stava accadendo". "Non è possibile che la Strada dei Parchi continui a applicare questi aumenti indiscriminati in una regione che deve ripartire dopo un terremoto e che già è alle prese con mille altri problemi. Per questo motivo – conclude Laurenzi – invitiamo gli utenti della Strada dei Parchi e le associazioni dei consumatori a prendere di petto la cosa e se è necessario a organizzare uno ‘sciopero autostradale’ per protestare contro questa ennesima vergogna".  In merito all’impennata dei pedaggi autostradali interviene pure la Cna. "L’aumento dell’8,14% applicato dalla società che gestisce l’Autostrada dei Parchi (A24 e A25), a fronte di una crescita media dell’1,92% sulle altre reti nazionali, trova poche giustificazioni, soprattutto se si considera un’offerta di servizi inferiore a quella di altri gestori". "L’affermazione della stessa società – prosegue la nota – secondo cui ‘i proventi dei pedaggi sono destinati al recupero degli investimenti già effettuati o da effettuare, a sostenere le spese di ammodernamento, innovazione, gestione e manutenzione della rete’ appare singolare, in considerazione delle continue lamentele che gli utenti esprimono sulla carenza di servizi lungo le autostrade che collegano l’Abruzzo a Roma, a cominciare dal numero ridotto delle aree di servizio». "Vorremmo chiedere alla società Strada dei parchi – conclude la Cna – che sul suo sito ufficiale scrive ‘è in corso dal 2003 un piano di investimenti per riqualificare, con l’incremento dei parcheggi e l’introduzione di nuovi servizi, tutte le Aree di Servizio e per realizzarne 5 nuove’, dove siano le nuove aree annunciate sette anni fa e quali esiti abbiano prodotto gli investimenti".
    MpL Comunicazione @ 16:15
    Filed under: News MpL

    CGIL & Marchionne

    Posted on lunedì 3 gennaio 2011

    Si incrudisce lo scontro tra la Fiom-Cgil e Marchionne.  «Se il referendum di Mirafiori – ha detto Marchionne – raggiungerà il 51% andremo avanti con il nostro progetto di investimenti. La gente si deve impegnare a fare le cose. La Fiat non ha lasciato fuori nessuno – ha detto ancora Marchionne – se qualcuno ha deciso di non firmare, non significa che io abbia lasciato fuori qualcuno. La Fiat ha bisogno di libertà gestionale e non può essere condizionata da accordi che non hanno più senso». «La Fiat è capace di produrre vetture con o senza la Fiom». Con il no all’accordo, ovviamente, salta tutto il piano di investimenti e la Fiat si rivolgerà altrove per produrre i nuovi modelli. (more…)
    MpL Comunicazione @ 12:54
    Filed under: News MpL

    Battisti&affari

    Posted on lunedì 3 gennaio 2011

    Il nuovo ministro della giustizia brasiliano, Josè Cardozo, ha detto di «non aver alcun dubbio» sul fatto che il no all’estradizione di Cesare Battisti deciso dall’ex presidente Lula sia stata una decisione «corretta». Lula ha agito «in stretta consonanza con il nostro diritto e con quanto aveva manifestato il Supremo Tribunal Federal», ha detto Cardozo. Cardozo sostiene di non prevedere possibili «ritorsioni» da parte dell’Italia a causa del caso Battisti. «La nostra è una decisione sovrana», ha detto.  A Cardoso replica dall’Italia l’onorevole Margherita Boniver, deputato del PDL e Presidente del Comitato Schengen. «Il no di Lula all’estradizione dell’assassino Cesare Battisti è stata una carognata. Negli incontri ufficiali con il Presidente della Repubblica Napolitano e del Consiglio Berlusconi, Lula aveva evidentemente dato un messaggio tranquillizzante. L’unica cosa certa è che l’Italia continuerà ad adire in ogni sede legale internazionale affinché Battisti possa scontare la sua pena».  Resta alta la tensione tra le due sponde dell’Atlantico.  La nostra previsione è che tutto finirà in una bolla di sapone.  Le imprese italiane hanno in cassaforte contratti per dieci miliardi di euro, già firmati con il Governo brasiliano, ed in questo momento di crisi nessuno può permettersi di buttare all’aria le relazioni comemrciali con Brasilia.  Così come con la Cina, che viola sistematicamente i diritti umani,  faremo finta di niente e continueremo a fare affari. Il resto sono chiacchiere al vento.
    MpL Comunicazione @ 12:42
    Filed under: News MpL