• Calendario/Archivio

  • giugno: 2010
    L M M G V S D
    « Mag   Lug »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    G20, lagrime e sangue

    Posted on domenica 27 giugno 2010

    Nessuna tassa sulle banche e sulla finanza speculativa che ha provocato la crisi con i mutui subprime e lo scandaloso mercato dei derivati. Nessuna tassa sui grandi patrimoni e sulle transazioni.  Nessun impegno concreto sull’ambiente. Poco per la povertà e per ridurre le diseguaglianze tra popoli e nazioni.  Le economie avanzate si impegnano a dimezzare entro il 2013 i loro deficit.  La principale priorità del mondo, secondo il G20,  è quella di ridurre i deficit pubblici.  

    Per le banche, che hanno inondato il mondo di titoli-spazzatura,  solo una timida tirata di orecchie:  d’ora in avanti dovranno contribuire al risanamento del settore finanziario, ma attraverso «un’ampia gamma di approcci politici». Cosa significhi, nessuno lo sa.  Poche parole per l’occupazione:  in molti Paesi – dicono i grandi – resta ancora a livelli inaccettabili e l’impatto sociale della crisi è ancora ampiamente sentito.

    Chiacchiere, insomma.  Nessuna reale decisione innovativa. Si continuerà come prima: i deficit saranno pagati dai cittadini e non da chi li ha generati. Saranno anni duri per i cittadini dei paesi del G20 che dovranno risanare i conti pubblici in pochissimi anni.   Gli ulteriori obiettivi del G20 (ovvero maggiore crescita ed occupazione) non saranno raggiungibili, poiché i drastici tagli dei bilanci avranno effetti negativi sulla crescita e deprimeranno i consumi delle famiglie. 

    L’eccessiva disciplina sul debito metterà a repentaglio la debole ripresa economica.   E’ di questo avviso l’economista  Tiff Macklem, vicegovernatore della Banca del Canada, ma al G20 nessuno lo ha ascoltato.

    MpL Comunicazione @ 20:19
    Filed under: News MpL

    Vertice con Berlusconi

    Posted on domenica 27 giugno 2010

    Berlusconi convocherà a breve un incontro tra sindaci, strutture commissariali ed enti locali per risolvere le problematiche principali della ricostruzione.  Lo ha detto ieri Guido Bertolaso a Barisciano.  "I fondi ci sono – ha assicurato Bertolaso – sono già stati stanziati e ho fatto io personalmente le verifiche, ma questi quattrini bisogna saperli chiedere nel modo giusto, bisogna saperli ottenere e bisogna sapere come spenderli. C’é una burocrazia all’Aquila e una burocrazia a Roma. Non si può pensare di cancellarla perché c’é una situazione di difficoltà".

    "Fino a quando ci siamo stati noi – ha aggiunto Bertolaso – le cose hanno filato ed abbiamo utilizzato le risorse. Ora non serve fare polemiche perché non c’é mai stato un percorso di ricostruzione in discesa".  Bertolaso sostiene quindi la tesi, non nuova ma sempre efficace, che il ritardo nella ricostruzione non dipende dalla carenza di risorse ma dall’incapacità delle strutture delegate alla ricostruzione. Il che suona come una critica a Cialente, sindaco dell’Aquila e vice commissario, ma pure a Chiodi, commissario governativo alla ricostruzione.  Per non parlare di Fontana…

    Bertolaso ha lanciato una frecciata pure ai giornali: "Il G8 in Canada è costato un miliardo di euro, 10 volte di più di quello che è costato il G8 in Italia, ma questo non lo scrive nessuno".

    MpL Comunicazione @ 16:41
    Filed under: News MpL

    G8: fallimento totale

    Posted on domenica 27 giugno 2010

    Il G8 si è chiuso con un fallimento. I cosiddetti grandi della terra non riescono a mettersi d’accordo neppure sul menu dello loro suntuose colazioni di lavoro (infatti essendo grandi loro lavorano sempre, pure davanti alle aragoste) e rinviano tutto al G20 che ha inizio oggi, un rinvio che è una  foglia di fico per coprire il fallimento totale del G8 di Toronto. (more…)
    MpL Comunicazione @ 16:11
    Filed under: News MpL

    Verit nel mezzo

    Posted on domenica 27 giugno 2010

    Come spesso accade, tra 2 tesi, la verità sta nel mezzo. Nella polemica tra chi sostiene che il governo non trasferisce i fondi necessari per portare avanti la ricostruzione post-sisma e chi sostiene che il Comune non riesce a spendere il denaro arrivato. La verità è che ci sono 2 verità, entrambe corrette, che pesano come macigni sul destino della nostra città, perché entrambe portano al blocco di tutto.
    I trasferimenti. Arrivano, ma in ritardo e senza una tempistica certa. Questo sistema produce incertezze, porta a rincorrere i problemi e spesso allo stagno del "sistema ricostruzione". (more…)

    MpL Comunicazione @ 11:20
    Filed under: News MpL