• Calendario/Archivio

  • agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    12 saggi

    Posted on venerdì 28 gennaio 2011

    "Il nuovo statuto e’ previsto dalla riforma Gelmini e ieri il senato accademico non ha potuto far altro che prendere atto e votare i nominativi ‘suggeriti’ dal rettore. Si tratta di una scelta non condivisa: non sono state fatte consultazioni tra il corpo docente e tecnico per la scelta delle persone che dovranno riscrivere lo statuto". Lo ha detto il professore Marco Valenti che fa parte del senato accademico dell’Universita’ dell’Aquila, nel corso di una conferenza stampa, commentando le scelte adottate dal Rettore dell’Universita’, Ferdinando Di Orio sull’individuazione dei dodici saggi designati dallo stesso senato accademico per la riforma dello statuto, come previsto dalla riforma del ministro per l’Istruzione, Maria Stella Gelmini. Si tratta di Massimo Casacchia, Norberto Gavioli, Walter D’Ambrogio, Simone Gozzano, Luca D’Innocenzo e Mauro Serafini. "La sensazione – ha concluso Valenti – e’ che con questa riforma dello statuto di Orio voglia garantirsi una proroga, a cui farebbe gioco peraltro la stessa legge Gelmini, del mandato da rettore, che quindi andrebbe a scadere a ottobre 2012".

    I familiari delle vittime della Casa dello studente scrivono: "Apprendiamo che il Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo si appresterà, domani, a nominare, dopo le scelte già operate nel merito dal Senato Accademico, gli altri saggi che avranno il compito di riformare lo statuto dell’Ateneo stesso e di adeguarlo alla riforma Gelmini.
    Tra la rosa dei nomi compare quello di Luca D’Innocenzo, (foto) ex Presidente dell’ADSU che aveva in gestione la Casa dello Studente. Ci chiediamo, in primo luogo, quali debbano essere le competenze e le professionalità necessarie per assurgere al ruolo di "saggi". In secondo luogo ci chiediamo se sia opportuno affidare compiti che riguardino l’assetto dell’Ateneo aquilano ad una persona che è stata rinviata a giudizio proprio per il crollo di una struttura che accoglieva gli studenti fuori sede e che avrebbe dovuto proteggerli e non ucciderli. Stigmatizziamo, inoltre, una scelta, quella della nomina di D’Innocenzo a "saggio", irrispettosa del lutto di tante famiglie e segno di una arroganza ormai dilagante. Chiediamo al Rettore Ferdinando Di Orio di riflettere sugli effetti di una tale scelta e ad signor D’Innocenzo di avere il pudore di fare un passo indietro".
    Scrive Luigi Di Domenico: "Ho preso visione dei nominativi dei "saggi" che riscriveranno il nostro Statuto. In rappresentanza del Personale Amministrativo il nostro Magnifico ha proposto il Sig. Luca D’Innocenzo, impiegato a tempo determinato.
    Tra i quasi 500 impiegati di ruolo del nostro Ateneo non vi è nessuno che agli occhi del Rettore abbia le competenze necessarie. C’è da chiedersi come possa rappresentarci in una costituente che riscriverà la norma fondamentale della nostra organizzazione chi, al momento, non può nemmeno far parte delle RSU. Riflettiamoci".

    MpL Comunicazione @ 11:46
    Filed under: News MpL

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Privacy policy

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com